Il Diario di Disco Club

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Diario del 12 aprile

Diario del 12 aprile
All'epoca dei vinili le contestazioni sul funzionamento o meno dei dischi erano frequenti, "E' ondulato, c'è una riga, non c'è nessun segno ma salta". Il mio predecessore era molto restio a fare cambi e aveva un sistema tutto suo per evitarlo; regolava il peso del braccetto su 2.5 grammi e poi retrocedeva la ghiera a 1,5. Quando il malcapitato cliente portava indietro un vinile ondulato come un ottovolante, lui lo metteva sul giradischi, dove, ovviamente, per il peso del braccetto non saltava e la sua conclusione rivolta all'incredulo ragazzo era, "Vede (lui dava del lei a tutti) io metto il peso solo a 1,5 e il disco non salta".
Oggi torna una signora che qualche giorno fa ci aveva lasciato il cd di Bowie (acquistato un mese prima) dicendo che da lei saltava (all'inizio funzionava), di provarlo e che poi sarebbe passata. Infatti eccola qui; il cd lo abbiamo provato e funziona, nonostante le innumerevoli macchie e righe provocate dalla signora nel mese d'uso. Glielo facciamo presente e lei "L'ho pulito anche col liquido apposta", allora le mostro tutte le macchie e lei "Ma io non ho pulito il retro, solo il davanti", infatti le scritte sull'etichetta del cd erano chiarissime grazie al liquido speciale!

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 11 aprile
Oggi passa il maggior cacciatore di autografi del negozio. Roberto da anni dà la caccia a tutti gli artisti che fanno concerti a Genova e dintorni, intendendo anche le regioni confinanti. La settimana scorsa è stata proficua per lui, "Ne ho beccati quattro", "Elisa, Baglioni, Morandi, ma il quarto chi è?", "Gigi D'Alessio", "Gigi D'Alessio???? Ma no, dai. Tra l'altro tu gli autografi te li fai fare sempre su un disco, quindi vuol dire che hai in casa un cd di D'Alessio", "Serve per la firma, mica lo sento". M'informo sulle modalità dei suoi appostamenti, "E' stato facile farsi ricevere?", "Con Elisa e Gigi sì, Baglioni l'ho dovuto aspettare all'albergo vicino alla stazione Principe fino alle due. Anche Morandi doveva arrivare lì, alle due non c'era ancora, abbiamo chiesto e ci hanno detto che lo stavano aspettando. Alle tre vediamo in fondo alla strada una donnona insieme a un uomo che camminava un po' goffamente, 'Cammina come Morandi', dice uno, 'Non esagerare, sempre con questa storia dello scimmione'. Dopo pochi minuti lo scimmione arriva, belin aveva ragione l'altro, era Morandi. Mi avvicino e gli chiedo, 'Gianni, ma dove sei finito?', e lui 'Sono venuto a piedi dalla Fiumara fino a qui'. Così ho aggiunto anche la sua firma. Mi manca sempre quella stronza di Patti Smith. Ho visto già un po' di suoi concerti per cercare di beccarla, ma, appena vede dei fans, lei scappa via". Certo che farsi quattro chilometri di passeggiata notturna dalla Fiumara a Principe non è il massimo del piacere.
Oggi se Roberto fosse stato in negozio avrebbe avuto una preda facile. Nel tardo pomeriggio si affaccia un anziano (quasi vecchio) mi dà un'occhiata e si ritira, io mi giro verso di lui e allora rientra, mi dice "Sei sempre tu?", a vederlo sembra Gino Paoli, ma tutte le volte che è passato davanti alla vetrina ha sempre tirato dritto. Lo guardo bene, belin mi sembra lui, "Sì, sono sempre io" gli dico e indicando l'insegna "Il negozio da 50 anni, io solo da 43", "Le vendite? E' vero che c'è la ripresa dei vinili?", "Questa volta sì. Tra l'altro sabato c'è la festa del Record Store Day ed escono un sacco di dischi, tutti rigorosamente in vinile. Noi facciamo anche cantare qua fuori dalle 16, alle 17 c'è Bonfanti che presenta il suo doppio vinile", sua moglie gli dice, "Gino, se non devi andare via possiamo venire anche noi". E' lui! Disco Club è proprio diventato importante, le altre volte manco si fermava, oggi è entrato e mi ha dato del TU!!!

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Diario del 8 aprile

Diario del 8 aprile
Voce dall'esterno, "Ha gli occhialoni, sembra un nazista", si riferisce a qualcosa nella nostra vetrina, uso la porta come al solito per specchietto retrovisore, è un uomo al cellulare, parla con un suo amico e continua con "Infatti s'intitola Alt!". Capito, parla dell'ultimo disco di Renato Zero. La cosa va avanti per almeno cinque minuti e si conclude con "Sembra proprio un nazista in un terreno di concentramento", va be' su, era stanco per la lunga telefonata e non gli veniva la parola 'campo'.
Vi avevo già parlato della costanza di Mimmo nel chiedere la raccolta completa del Trio, Parton, Ronstadt e, ovviamente, Harris. E' da ottobre che regolarmente ce lo chiede in entrambe le sue apparizioni settimanali (martedì e venerdì), quindi in totale 48 volte a Dario e, siccome non si fida, 48 a me. Oggi sul Buscadero ecco un articolo che parla del Complete Trio Collection: data di uscita il 9 settembre! Prima che Mimmo arrivi, scannerizzo la pagina della rivista (vedi foto), di fianco scrivo un mio commento (Si prega di non chiedere più informazioni sull'uscita del disco del Trio fino a settembre) e lo appiccico a sinistra del banco, proprio nel posto preferito da Mimmo, non può non leggerlo, come lo leggono tutti i clienti successivi, che infatti incominciano a chiedergli "Ma quando esce il cd del Trio?".
Maurizio il Maratoneta non manca mai. Oggi, dopo che ha sentito un cliente ordinarmi il cd di Lou Reed " Take No Prisoners", aspetta che esca, poi si avvicina scuotendo la testa in segno di disapprovazione, "No, di Lou Reed l'unico bello è Strasformer".

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 7 aprile
Prima giornata veramente calda dell'anno, da primavera inoltrata. Di ritorno in negozio dopo una breve pausa pomeridiana, in mezzo a una folla in t-shirt vedo uno copertissimo, sciarpa, maglione, doppio giaccone, il tutto multicolore; mancano solo due cose, l'immancabile cappellino giallo, che ormai non potrebbe più posarsi sopra quella capigliatura fittissima e sempre più abbondante, tipo mocio vileda, e il fedele tablet: sì, è tabletman! Negli ultimi tempi è stato avvistato più volte e mai col tablet, devono avergliene sequestrato tutta la "batteria". Io l'ho beccato solo una volta, seduto sulle panchine tra via San Vincenzo e via XX con in mano quadernetto e penna, insomma un ritorno all'antico.
Arrivo davanti al negozio ed ecco lì Scusssi, lui ovviamente è già in maniche corte e ciononostante con un bel alone intorno alle ascelle; la testa gronda sudore, ma è a distanza di sicurezza dalla vetrina, tenuta lontana dalla prominenza della sua pancia straordinariamente a punta. Per fortuna anche lui non entra più, l'ho minacciato dopo che mi ha fatto ordinare otto cd che poi non ha ritirato e così evita di "profumarci" l'interno. Quando abbandona la sua postazione, esco per controllare e, a livello della sua pancia-lancia, ecco un alone; carta e vetril per farlo sparire.
Sto facendo l'ordine telefonico alla Goodfellas quando entra una signora, molto casual, jeans, capelli corti sparsi a casaccio in testa, magra e aria intellettuale, pauso la telefonata e mi rivolgo a lei, "Dica", mi porge un cd di Curtis Stigers dal cesto delle offertissime a cinque euro, "Questo è un cantante?", "Suona e canta", "Deve essere bello", ma lo riposa (nell'espositore sbagliato). Ritorna da me, "Ho sentito la musica di un artista che mi ha molto colpita. E' Glenn Miller e credo che sia del secolo scorso", "Sì, è molto del secolo scorso", "Devo approfondire". Recupera dall'espositore sbagliato il cd di Stigers e " Questo ha una bellissima voce", boh fino a poco fa non sapeva nemmeno se cantava, "devo prenderlo". Mi avvicino alla cassa per battere lo scontrino, ma lei se ne va e anche questa volta non lo rimette al suo posto, me lo molla sul banco. Torno a Luca Goodfellas, che ha sentito tutto, nel suo romanesco "Aò, questa è strana, è da Diario".
p.s. Se a qualcuno interessa, è tornato nell'espositore dei 5€.

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 4 aprile
Un lunedì al mese, non sempre lo stesso, facciamo il pranzo sociale. Una consuetudine iniziata due anni fa su invito del nostro miglior cliente del basso Piemonte; quella prima volta eravamo in tre, io e Dario più Claudio (il bassopiemontese), in seguito si sono aggiunti altri, l'Amico Maurizio, Roberto G (protagonista di una giornata del Diario come spiegato sotto), Gianni Reba e il Geometra (entrambi una sola volta), il prof. Davide (altro novese, ma ormai trasferitosi in Liguria, a Moneglia).
All'ultimo pranzo sociale eravamo in sei, i primi cinque più Davide, assente ingiustificato nei due appuntamenti precedenti. Le discussioni non vertono solo sulla musica, ma toccano vari campi, con una predilezione per il cinema: Dario, Claudio, Roberto e Davide sanno tutto sui film horror e sono specialisti nelle peggiori puttanate che sono apparse sugli schermi, in questo io e Maurizio siamo tagliati fuori e, mentre gli altri parlano, pensiamo a mangiare i manicaretti del nostro oste preferito (il vicino Rustichello). A volte le discussioni si fanno accanite, ad esempio sull'appartenenza o meno di un gruppo al genere prog (idee diverse tra Claudio e Maurizio) o sulla definizione di un locale come "discoteca" (secondo Claudio sono degni di questo nome solo quelli piemontesi, mentre quelli genovesi si possono definire al massimo club, suscitando l'ira di Maurizio "ma cosa dici io andavo al Betatron quando avevo 18 anni, negli anni 70"); in questi casi il clima si fa infuocato e si arriva a un duello all'ultimo sangue, anzi, no, scusate, all'ultimo... limoncello.
Oggi il discorso è caduto sul famoso episodio in cui è rimasto coinvolto Roberto, colpito all'entrata della scuola da una pallottola in una battaglia tra gruppi extra parlamentari settantini, salvato però dalla deviazione del vinile di Pictures at an Exhibition di Emerson, Lake & Palmer, che ha impedito che venisse toccato il cuore. Io gli dico, "Tu dovresti essere il più addolorato per la morte di Emerson", un urlo mi interrompe, "COSA DICI? Emerson non è morto?", è Davide, gli confermiamo la triste notizia (ormai vecchia di qualche settimana, sorpassata da altri decessi celebri: è un anno così), ma lui rimane incredulo, "E' uno dei miei idoli, lo avrei saputo, del resto il TELEVIDEO non lo ha scritto"; il boato questa volta è quello delle nostre cinque risate, che lo sommergono, "Il televideo, ma Davide dove vivi? A Moneglia arriva così in ritardo il segnale?" Da quel momento qualsiasi argomento venisse fuori, si finiva sempre con una domanda a Davide, "Ma il televideo lo ha detto?".
p.s. Chi vuole aggiungersi al pranzo sociale può farlo, non fatevi illusioni però, ormai siamo passati a un pagamento più democratico, alla romana.

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 2 aprile
Telefono, "Discoocluuub", "Scusi, non riesco a trovarvi, ma dove siete?", glielo spiego e dopo 52 secondi entra un quarantenne, "Ero qui davanti, non vi vedevo". Compra quello che cercava e prima di andarsene mi chiede, "Com'è?", non so cosa intenda, forse oggi sono più pallido del solito, lui precisa, "Se ne vendono cd?", in realtà non è una domanda, ma un'affermazione dubitativa; cerco di rispondere, "Beh...", ma lui precisa ulteriormente la sua idea, "E sì i giovani scaricano", e se ne va. La colpa dei mancati incassi è dei giovani che scaricano o di quelli come lui che in più di 40 anni di vita non hanno mai trovato la strada per andare a comprare da Disco Club che, di anni, ne ha 50, 3 mesi, 2 settimane?
Telefono, "Discooocluuuub", "Un'informazione, devo fare un regalo a una signora che dopodomani compie 100 anni, ne avete di quei dischi rotondi con canzoni di quando era giovane?". Effettivamente quando la quasi centenaria era giovane i dischi erano rotondi, adesso sono quadrati, esagonali, ottagonali e i più rari triangolari.
Vecchietto con mano tremolante mostra a Dario un foglietto scritto dalla moglie con mano tremolante; c'è scritto "Bob Dylan, iraniano, biondo" e lui aggiunge, "Non sappiamo il nome", Dario "E il titolo della canzone?", "Nemmeno quello, lo abbiamo visto a un canale della Rai". Ovviamente non lo abbiamo, però lo cerchiamo su youtube e lo troviamo, anche se non è molto biondo: si chiama Namjoo!

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
3.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
4.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
5.
Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)
6.
Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
7.
Valutazione Autore
 
79
Valutazione Utenti
 
0 (0)
8.
Valutazione Autore
 
75
Valutazione Utenti
 
0 (0)
9.
Valutazione Autore
 
75
Valutazione Utenti
 
0 (0)
10.
Valutazione Autore
 
73
Valutazione Utenti
 
0 (0)