Il Diario di Disco Club

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 16 febbraio
Telefono, "Discocluub", "Scusi se la disturbo, sono di British Telecom", "Mi dispiace, non la scuso. Buongiorno" e poso.
Telefono, "Discoocluuub", "Senta vorrei l'ultimo disco di.....", si blocca "Di?", "Diii...mi sfugge il nome, ricordo il titolo del cd, Cinema", "Bocelli?", "Ecco quello".
Telefono, "Discooocluuuub", "Avete i tre dischi che sono usciti di Baglioni e Morandi?", "Per fortuna ne è uscito uno solo, doppio e nella edizione deluxe con in aggiunta un dvd", "No, a me interessa solo l'ultimo", "L'unico", "E di Battiato?", "Ci sono due versioni, una con 4 cd e l'altra con 10", "Che differenza c'è?", "Sei cd", "Mi sa dire quanti pezzi ci sono in una e nell'altra?", "No" e bastaaaa, poso.
Telefono, "Discoooocluuuuub", "Scusi, permette una domanda, ha delle console per strumenti?", "No, provi da Storti", silenzio, dopo "Scusi permette una domanda, dove si trova?", "In via Fiasella", di nuovo silenzio, "Scusi permette una domanda, dov'è via Siafella?", "Via Fiasellaaa, è una traversa di via XX, subito dopo via Cesarea", silenzio, ma non posa; e no, belin, un'altra domanda non gliela permetto, poso io.
Telefono, "Discooooocluuuuuub", "Ha ancora il cd di Ezio Bosso?", "Una copia", "Me la tiene? Vengo subito. Dove siete?", mi ha chiamato lui e non sa dove siamo? "In via San Vincenzo, all'inizio", "All'inizio da che parte? Dal palazzo della Sip?, "Bravo, l'ha azzeccata, proprio lì", "Ma... non riesco a capire, davanti a che cosa?", "Effettivamente ha ragione, ci siamo da poco, dal 1965", non se la prende, si mette a ridere.
Telefono, no, questa volta sono io a chiamare. Mi è arrivata una bolletta di Fastweb esagerata. Sono pronto a litigare col primo addetto del call center. In realtà il primo mi frega, probabilmente dal mio tono di voce capisce che sono un po' nervoso, ripete "Pronto....pronto....pronto", facendo finta di non sentire. Col secondo va meglio, mi dà anche ragione, mi consiglia cosa fare e, alla fine, mi chiede "Mi dà l'indirizzo del vostro sito, mi potrebbe interessare per comprare dei dischi, qui non ne trovo molti", "Di dove sei?", "Di Cosenza", chiacchieriamo amabilmente, ormai siamo passati al "tu" (non sa che io avrò una quarantina di anni più di lui) e conclude con "Senti dopo la telefonata riceverai un'email con la richiesta di una valutazione del servizio da 1 a 10", "Se fai un bell'ordine ti do 10 e lode!".
Finalmente una telefonata piacevole, poso, ma non faccio in tempo ad appoggiarlo che il malefico incomincia a squillare: "Diiscooooooooooocluuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuub".

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 10 febbraio
Potrei incominciare un altro conto alla rovescia, oggi sarei a – 499. Questa volta non mi riferisco al negozio, ma a me. Sì, tra 499 giorni raggiungerò (spero) i 70 anni. A farmici pensare (e a temere quel giorno) sono stati una serie di clienti odierni, che sono appunto attorno a quell'età. Il primo telefona nell'intervallo, io non ci sono, risponde Dario, "Pronto Disco Club, in cosa posso esserle utile?" (non ha ancora imparato a urlare discooooocluuuuub nell'orecchio del teorico cliente, per ora solo rompiscatole), "Buongiorno signor Dario (come faceva a sapere che era lui?), sono quello della Lomellina, quello che le porta le zanzare, si ricorda di me?", Dario, perplesso, "Veramente....", "Ma sì, quello che le ha detto che le mogli bisogna bastonarle", Dario, sempre più interdetto, "Non ricordo, non è che si confonda con quello più anziano (grazie Dario), quello che c'è da sempre?", "Sì quello, il signor Dario!", "Veramente Dario sono io, quello è Giancarlo", "Va bene è lo stesso, sto cercando un disco in vimini di Willy Houston, non lo trovo da nessuna parte nemmeno a Roma, mi hanno dato anche un numero di Milano ma lì non risponde nessuno. Le lascio il mio di numero, se lo trova mi avvisa?". Dario, sempre gentile, appunta il numero con su scritto 'disco in vimini della famosa cantante Willy Houston' e me lo porge quando torno in negozio.
Tocca a lui andare a mangiare e la telefonata successiva spetta a me, "Discooocluuuub" (così bisogna rispondere), altra settantenne "Scusi voglio porle un quesito, in casa abbiamo un bel po' di dischi, sa quelli di una volta, quadrati", "Quadrati???", "Sì, sia grossi, sia piccoli, con i cantanti degli anni sessanta, tipo quel genovese, come si chiama, quello di Marinella?", "De Andrè", "Ecco quello", "Le do il numero del negozio dell'usato, chieda a lui", lei diffidente "Ma li vuole in regalo o me li paga? Sa, siamo genovesi", "Se glieli regala, lui è più contento, sa è genovese".
Siamo sempre lì intorno (a quei benedetti o maledetti 70) col successivo, entra e mi chiede "Vorrei quei dischi grossi, quelli che si usavano negli anni cinquanta, sa Claudio Villa, Luciano Tajoli, Ne ha?", "No, non eravamo ancora aperti".
Speriamo in bene, il 23 giugno 2017 è ancora lontano (mica tanto purtroppo).

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 8 febbraio
Sabato, signora, "Voglio il cd del Volo", "Eccolo", lo guarda "Non c'è il pezzo di Sanremo", "No, quello è nel disco dell'anno scorso, ecco, questo" (Dario tiene sempre rifornito l'Angolo della Vergogna, abbiamo tutto); scruta anche questo, "Non ci sono le canzoni recenti", "No, quelle sono nell'ultimo", "Ah, allora mi dia quello; c'è anche il pezzo di Sanremo?", "Nooo", "E' vero, devono ancora farlo", "Cosa?", "Sanremo", "?!?!?".
Oggi, signora di cui sopra, entra e subito dietro di lei un signore con sguardo corrucciato. Lei, "Scusi, un'informazione. Ha l'ultimo del Volo?", "Sì", "C'è anche il pezzo di Sanremo?", "No, è in quello dell'anno scorso", li prendo entrambi e li metto sul banco, lei li scruta, "In questo non c'è Grande amore", "No, è nell'altro, quello di Sanremo 2015", "Sì, ma in quello non ci sono gli ultimi", "Noooo", "Quanto costano?", "C'è scritto sopra", prende quello di Sanremo e si rivolge al signore entrato dopo di lei: è il marito! "Questo costa 15€" e lo guarda come a chiedere "lo prendiamo?". Forse ci siamo, penso, invece il marito, sempre più ingrugnito, non dice una parola, si limita a guardarla, lei posa il cd e se ne vanno.
Com'erano belli i tempi in cui non avevo l'Angolo della Vergogna e, alla prima domanda "Voglio il cd del Volo", potevo rispondere "Non tengo questo genere di musica".
n.d.a. A questo punto dovrei postare la canzone del Volo, tranquilli, non lo faccio....

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 4 febbraio
Entra un ragazzo, mi guarda come a dire 'sono io' e io dovessi riconoscerlo, mi aiuta con "Sono quello del cd"; certo adesso è facile, è un giovane che ho visto per la prima e unica volta due settimane fa e, cosa strana per un negozio di dischi, mi ha ordinato un cd, come avrò fatto a non ricordarmi di lui?
Rispunta dopo mesi l'ex metallaro ubriaco del "Tiri-tiri-tu, tralla-lero-la", anche oggi non sembra molto sobrio, "Ti pongo un rebus irrisolvibile", chissà cosa mi chiederà, "Dove posso trovare i biglietti per gli Helloween a Milano?", facile "Alla Fiumara, da Mediaworld", "No, no, la roba alla moda non mi interessa" e se ne va sdegnato; sì, è ubriaco. Si ferma davanti alla vetrina e dopo poco rientra, "Quanto costa il 33 di Stand Up in vetrina?", scambia il mio sguardo interdetto, per uno di ignoranza e si sente in dovere di precisare, "Stand Up dei Jethro Tull", "Lo so che è dei Jethro, ma in vetrina non c'è il vinile, c'è un quadretto", "Ah, hic" (singhiozzo da ubriaco).
Il cliente successivo si differenzia dall'ex metallaro per due cose: l'età, decisamente superiore, e i denti, gli manca l'arcata superiore; in quanto alla sobrietà, siamo più o meno pari. "Scusi, dove trovo il liscio", "Non ne ho"; non si rassegna e lo cerca per tutto il negozio, infine sostituisce la richiesta, "E la Giannini?", non lo correggo, ma gli do il best della Nannini. Mentre paga mi chiede, "Sarà difficile, ma per caso avete qualcosa di De Andrè?", "Per caso abbiamo quasi tutto", "Ah, bene, allora un altro giorno che scendo giù passo a prendere qualcosa" e conclude "Sa, era mio cugino".
E' il turno di Dario di beccarsi due clienti. La prima è anziana, evita me e piomba su di lui, "Mi può registrare una pennetta?", "No, signora, non si può", "E perché?", "E' proibito", "I napoletani lo fanno", "Se lo faccia fare da loro", "Sì, a Napoli lo fanno sicuramente" e se ne va contenta di aver dimostrato la superiorità della sua Napoli su Genova. La seconda è giovane, alla richiesta di Dario "Cerchi qualcosa di particolare?", lei "Vainil", Dario, fraintendendo, le risponde in inglese, mostrandole lo scaffale dei vinili, lasciando interdetta la ragazza. Perché? Perché la ragazza è italiana, probabilmente se ci avesse chiesto i compact avrebbe detto 'si di" e le musicassette 'tape'.

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 25 gennaio
Cliente che non vedevo da un po', quasi pensionato, "Non mi prendere in giro, ma mi piace il cd di Benjamin Constantine, ce l'hai?", "Non ti prendo in giro anche perché non lo conosco proprio questo Constantin e non lo trovo neppure sul database olandese, sei sicuro che si chiami così?", lui guarda quello che ho scritto "Sì, sono sicuro, ma non si scrive così, Constantine con la 'e' in fondo". Niente non si trova, allora gli butto lì, "Non è che sia Clementine?", si batte la fronte, "Che scemo! Sì, Clementine, vedi con la 'e' in fondo", "E già, con la 'e' in fondo. L'ho finito", "Va a ruba vero?", "No, li ho resi tutti perché non si vendeva".
Una giovane coppia chiede a Dario, "Vorremmo sapere dove possiamo dare un'occhiata agli stereo 8", Dario "Stereo 8?", loro "Sì, quelli per far girare i dischi".
Ottavio (il rompipalle telefonico numero uno), dopo due giorni di tempestamenti telefonici senza ottenere risposta, si presenta di persona. Quando torno in negozio alle 14:30, lo vedo davanti alla porta in attesa che noi si apra; faccio finta di non vederlo e vado nel reparto usato, punto sul fatto che arrivi Dario e se lo cucchi lui, ma per mia sfiga Dario era arrivato prima di me e, visto Ottavio, aveva proseguito e ora controllava la situazione dai portici di fronte, facendo finta di guardare le bancarelle dei libri usati. Apro e, dopo aver respinto un suo primo attacco, devo farlo entrare, mi tempesta con le sue solite frasi, con le quali fa le domande e si dà le risposte. Rientra anche Dario, che si allontana dal banco e se ne va alla sua postazione in fondo al negozio, lasciandomi con la raffica-Ottavio, che alla fine mi chiede "Gian Gian posso posso fare un ordine ordine?": è il momento della vendetta, gli indico col braccio Dario, "Vai là, che ci pensa lui a farti l'ordine", e interrompo la corsa del braccio destro con la mano sinistra. Alla fine Ottavio, mentre sta per andarsene, mi dice. "Gian Gian, non rispondete mai mai al telefono", confermo "No, mai", e lui "Ti dispiace allora allora darmi il numero del tuo telefonino telefonino?", confermo "Mi dispiace", "Ah, ciao ciao" e se ne va.

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 21 gennaio
Entra una ragazza, "Ha mica bisogno di una persona? Cerco disperatamente lavoro per non essere di peso in casa", mi dispiace deluderla, ma "In due siamo sufficienti", al suo posto si materializza l'ex bimbo degli Iron (quello che aveva minacciato il suicidio se non gli avessi procurato un cd); ex perché ormai ha passato i venti ed è quasi un metro e novanta, non l'ho sentito entrare a causa della sua nuova andatura da Pantera Rosa, la domanda è la stessa, "Mi prendi a lavorare?". Un brivido lungo la schiena al pensiero di averlo tra i piedi tutto il giorno, il "no" è in questo caso secco, ma lui "Anche gratis, non so come passare il tempo", ribadisco il "no" e lui se ne va con le sue lunghe leve e il suo passo ondeggiante e lento, così almeno impiega di più a tornare a casa e gli passa un po' di tempo. Differenza di prospettive: c'è chi cerca lavoro per necessità e chi per vincere la noia.
Altre perle della giornata. Vista la moria di artisti negli ultimi giorni e l'impennata di vendite dei dischi di Bowie, in negozio parte il dibattito su chi potrebbe arrivare a quei livelli di boom tra gli ancora viventi, c'è chi dice Mick Jagger, chi Roger Waters, chi Bob Dylan, chi Peter Gabriel ed ecco che a questo punto s'inserisce il solito cliente quotidiano, in attesa della seduta psicanalitica, "Lo sapete che Riccardo Fortis sta ai Pooh come Peter Gabriel ai Genesis?", "?????????".
Infine una coppia, lei si rivolge a Dario, "Avete musica per il massaggio tantrico?", Dario "No. Mi dispiace" (sempre gentile), lei strabuzza gli occhi per la sorpresa "Non ne avete?", Dario conferma, ma lei insiste "Dove possiamo trovarla a Genova?", Dario regge e si limita a un "Non saprei", ma appena quelli escono "Ma che cavolo dice quella? Era sorpresa di non trovare musica per i suoi massaggi, ma va....".

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
87
Valutazione Utenti
 
0 (0)
3.
Valutazione Autore
 
86
Valutazione Utenti
 
0 (0)
4.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
5.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
6.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
7.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
8.
Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)
9.
Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)
10.
Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)