Il Diario di Disco Club

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 24 gennaio
Ma che bella giornata! Mi sveglio al mattino....
Sì, alle 8;00 scendo a prendere la macchina, giro la chiave per entrare nel garage, dove oltre alla mia, ce ne sono un'altra ventina. Giro a destra, giro a sinistra, niente da fare la porta non si apre. Fa anche abbastanza freddo questa mattina, aspetto per una ventina di minuti, nessuno oggi prende l'auto. Trovo il numero del telefonino del gestore del garage, lo chiamo, non risponde, ci riprovo per altre 5 volte senza risultato. Ecco che suona il mio telefonino, sarà il garagista? No, è Dario "Gian, sto male, non ce la faccio a venire", "Stai a casa, non c'è problema". Il problema c'è, guardo l'orologio, sono le 8:37, devo andare ad aprire e nessuno esce questa mattina. Non mi resta che correre a piedi verso il negozio, faccio il nuovo record, 18 minuti per percorrere 2 km e 400 metri.
Ecco davanti alla vetrina Guspe e Falchetto, metto le mani in tasca per prendere le chiavi, "Porca miseria! Sono in macchina". Eccomi sono ....chiuso fuori. Telefono a Ciarde (terzo socio), che dovrebbe averne un altro paio, le ha lasciate a casa, prende la moto, vola a casa e finalmente alle 9:20 entro in negozio dopo un'ora e venti minuti! Guspe e Falchetto se ne sono andati, non il Rompiballe n.1, che entra dietro di me. A questo punto devo confessarvi una cosa, il Rompiballe sta perdendo posizioni, ogni giorno compra qualcosa, non si soffia più il naso davanti a me (appena un po' più in là), prima si trascinava in negozio come un vecchietto, adesso sembra Speedy Gonzales e nella classifica dei Big Clienti di gennaio è addirittura al terzo posto!
Chi non perde posizioni è Ottavio, la sua telefonata non manca mai, nemmeno questa mattina, a tenergli compagnia prima una signorina della Telecom e poi un'altra signora che precisa subito "Non voglio venderle niente, solo prendere un appuntamento con un nostro dipendente", io "Sì, ma voi cosa fate?", "C'interessiamo d'energia", "Appunto, non m'interessa".
Finalmente entra un cliente, "Avete un cd delle mondine?", "No", "Non so dove trovarlo, ho provato dalla Ricordi. Ma non c'era più", io "Cosa, il cd?", lui "No, la Ricordi".......

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 22 gennaio
Dopo il momento di buonismo di sabato, bisogna tornare alla solita atmosfera, altrimenti nessuno mi crederà più quando rispondo al telefono "Discoooooooocluuuuuuub".
A proposito di telefono, quando entro come al solito controllo se qualcuno mi ha chiamato, quasi sempre alla domenica o altro giorno festivo c'è chi ci prova. Infatti anche oggi trovo una telefonata persa, cerco sul nostro database telefonico e individuo il colpevole, Marco A. (che ha già al passivo un'espulsione abbastanza violenta, a parole). Sicuramente sarà stato alla ricerca, come al solito, di una qualche edizione introvabile dei cd di Coltrane, e fin qui quasi normale. Il fatto è che, non solo ha chiamato alla domenica, ma alle 20:48!
Mentre faccio i soliti lavori di routine del mattino, una voce insistente mi disturba. E' una signora che davanti alla vetrina al telefono racconta tutte le sue sventure a un'amica, quelle passate, quelle presenti e già prospetta quelle future, concludendo, dopo un quarto d'ora, con un poco ottimistico, "Io, ogni genere di uomo l'ho provato e non c'è uscito niente". Non stento a crederle....
Dario sta servendo un cliente dietro il banco, mi chiama "Gian puoi servirlo tu, che io seguo la signora". Mi avvicino e mi investe subito una puzza, che colloca subito il cliente tra i primissimi posti dei "puzzoni" di Disco Club. Cerca tutte le colonne sonore di James Bond, pensa che possano stare in un cd, ma concede "anche due va bene". Guardo sul database olandese, ma l'aria è sempre più irrespirabile, faccio finta di cercare, ma dopo pochi secondi gli dico "Non c'è niente". Per fortuna non insiste e se ne va, mentre entra l'amico Giorgio, che arriccia il naso e dice "Lascio la porta aperta?". Grazie Dario per avermi ceduto questo nuovo cliente.
Non è nuovo quello successivo, ma è sempre stato difficile riuscire a vendergli qualcosa, anche oggi ha una delle sue richieste particolari, "Cerco quella canzone che si sente sempre alle radio e che fa....", si mette a cantare e la sa quasi tutta, non la conosco o non la riconosco, ma s'intromette Dario, "Può fare una cosa, scarica sul telefonino Shazam e quando sente la canzone, avvicina il telefono, così scopre il titolo". Guardo Dario con aria dubbiosa e dico all'amico Francesco "Sempre a fare il gentile, anche con gente che fa perdere tempo". Al pomeriggio squilla il telefono, Discooocluuuub", "Sono quel cliente che questa mattina cercava una canzone, c'è mica il suo collega?", glielo passo e alla fine del dialogo Dario ordina un cd di Franz Ferdinand, "Visto che è servito?". Tarda serata, mi preparo a chiudere, squilla il telefono, ormai siamo in zona "non rispondo, è tardi, potevi pensarci prima", ma quello non molla, dopo due minuti di tortura mi decido "Discoooocluuuub", la solita voce smorta e zoppicante, "Il suo collega, quello con gli occhiali e corpulento, mi ha ordinato un disco di Franz Ferdinand, volevo dirgli che non mi serve più" e posa. Ben gli sta a Dario, ha ordinato un disco inutile e si è beccato una botta di ciccione.
E' tardi, quasi le 19 in punto! Spengo le luci della vetrina e di metà negozio, mi metto la giacca e faccio le chiusure. Entra una giovane coppia, la ragazza "Possiamo fare un giro?", io "No" e indico le luci spente, lei "Sta per chiudere?", io "No, ho chiuso".

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 20 gennaio
Arrivo in negozio alle 8:20 e trovo che il dormitorio dei portici è ancora in funzione: due sono davanti alla vetrina di Outsider e uno alla mia. Questo è proprio sulla porta. Mi tocca svegliarlo. Provo a dire "Devo aprire", ma lui dorme profondamente, non si vede nemmeno il viso sommerso com'è da una serie di coperte; allora do un calcio, no belin cosa pensate? non a lui, alla mia serranda, che fa un gran clangore, lui balza fuori con gli occhi fuori dalle orbite, si guarda intorno terrorizzato, non capisce cosa sia successo fino a quando non alza gli occhi e mi vede, gli faccio vedere le chiavi "Devo entrare", lui "Scusa" e si affretta a tirare su tutte le sue cose, raccogliendole in due sacchi, porta via i cartoni/materasso. E' un ragazzo di colore, un migrante, probabilmente il rumore che ho provocato, gli ha fatto venire in mente altri ricordi recenti e lo ha spaventato. Io entro e vedo che lui cerca di pulire alla meglio il posto davanti alla porta dove era coricato; con le mani è difficile, penso "Quasi quasi vado a prendere la scopa nel retro e gliela passo", mi avvio, c'impiego poco a tornare e gli passo quello che ho in mano, lui lo prende e mi ringrazia. Ah, dimenticavo, in mano non avevo la scopa, ma un pacco di biscotti, era sul mobile del retro. Ho pensato che forse a lui avrebbe fatto più piacere mangiare qualcosa che mettersi a ramazzare, del resto il vento aveva già spazzato via tutto.

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 17 gennaio
Ore 9:35, sto creando una nuova sezione di offerte nell'espositore vicino alla porta ed ecco che si affaccia lui, il signor Amandla. Cosa vorrà oggi? "Ciao Gianni (sarei io, quasi giusto). Mattiniero", io "Veramente è un'ora che sono qui", lui "Ciao e salutami Zucchero (?), ottimo Amandla" e se ne va canticchiando "O mia bella mora no, non mi lasciare...".
Dopo poco entra una coppia di amiche, una procace bionda e l'altra scura di chiara origine sudamericana; questa seconda chiede a Dario un cd di Amy Winehouse, la bionda ci guarda con un sorriso malizioso e, con un accento che rivela chiaramente la sua origine russa, "Avete musica sexy". Non so se io e Dario abbiamo fatto una faccia strana, sta di fatto che lei subito si scusa per la richiesta, "Scusa, scusa, a me piace la musica sexy, mi rilassa", sempre sorridendo. Peccato che U Megu se ne fosse appena andato....
A riportarci a pensieri meno allegri, ci pensa la signora che entra subito dopo col marito. Prima chiede dei dischi del Volo (e già questo mi fa perdere il sorriso), poi indaga da quanti anni siamo qui e, quando le dico che sono più di cinquanta, si lancia "Allora conoscevate la signora che aveva la gelateria qui di fronte? Pensi che eravamo amiche sin dall'infanzia, eravamo vicine di casa e, guardate il destino, quando i nostri genitori sono morti, li hanno sepolti nel cimitero di Molassana proprio vicini anche lì. Adesso non pensate che io sia necrofora, ma quando io e la mia amica ci siamo trovate lì, davanti alle due tombe, lei ha detto 'Adesso rimaniamo solo noi e le prossime saremo noi', dopo pochi mesi lei se ne è andata". Per dieci minuti ha parlato solo lei, ci ha raccontato tutto di lei e della sua amica dalla nascita alla morte dell'altra, mentre il marito (e noi) non è riuscito a spiccicare una parola, si è limitato a pagare il cd. A casa riuscirà qualche volta il bravuomo a interrompere il flusso di discorsi e di disgrazie dell'allegra consorte?

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 11 gennaio
Aspettavate con ansia il Diario per avere due risposte, vero?
La prima, si è presentato all'alba il torturatore seriale a richiedere Amandla? Sì, non tra i primissimi, ma subito dopo. Lo anticipo, "Aspetta un attimo", mi giro, prendo il cd usato di Miles e glielo do, lui, raggiante (no, non è vero, ha un'unica espressione, né allegra, né triste), "Ce l'hai fatta, tieni ti do 20€".
Ecco la seconda domanda: a quanto l'ho venduto? Era in vendita nel reparto usato a 5€, lui me ne offre 20€, la maggioranza di voi mi ha invitato ad accettare la sua offerta. Cosa faccio? Gli dico "Va bene 15€", mi giro e batto in cassa l'importo (perché poi l'ho battuto? Gli usati non vanno battuti, così ci rimetto anche il 22% d'iva), gli passo lo scontrino e 10€ di resto. Sì, ho battuto 10€; per quanto mi abbia scassato l'anima per tutta la settimana, mi sarei sentito un ladro a fargli di più, i 5€ di ricarico, anzi 2.80 scalando l'iva, sono per ricompensare tutto il tempo che mi ha fatto perdere. Se fossi stato sicuro che lui non si fosse più presentato gli avrei detto volentieri, "Tieni, te lo regalo, ma non farti più vedere", ma ho paura che lo vedrò ancora.

Diario del 11 gennaio (appendice)
Dopo una ventina di minuti dalla sua uscita dal negozio, passa di nuovo il signor Amandla. Ha in mano un hot dog del mitico Baretto, lo mangia con gusto, mi vede e si avvicina, "Dagli una morsicata". Lo chiudo fuori.

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 10 gennaio
A volte ritornano. Non è il titolo del libro di Stephen King, ma a ritornare a volte sono i "pazzi" che popolano il negozio. Non sempre per fortuna; di Ivano mi sono liberato facendo finta di fotografarlo, "No, no, non fotografarmi" ed è scappato, dopo un mese si è rivisto, ho preso il telefonino e l'ho puntato contro di lui, terrorizzato è fuggito definitivamente, forse pensa che una foto possa rubargli l'anima. Con lo psichiatrico è stata più dura, l'ho trattato male (a mio rischio, perché lui ciocca veramente) e non l'ho più servito, lui ha cercato di reagire entrando lo stesso, ma si è trovato di fronte un muro, poi limitandosi a passare fuori gridandomi "Oëgia!" (ce l'ha con le mie orecchie), infine si è rassegnato ed è sparito.
Quello che è entrato lunedì invece non me lo ricordavo nemmeno più, lo devo aver cacciato con cartellino rosso e insulti molti anni fa (infatti Dario non lo aveva mai visto), si sporge dall'ingresso, riconosco la sua faccia tonda, con occhi tondi e sguardo evanescente; mi guarda e "Ah, ci sei ancora?", io "Direi di sì", lui "Come ti chiami?", io "Sempre Gian", lui, "Ah, ti chiami ancora Gian?", io "Eh già". Questa è stata la nostra nuova presentazione, poi lui passa alla richiesta, "Dammi Tutu e Amandla di Miles Davis", Tutu c'è, Amandla no; lui, "Me lo ordini? Passo a prenderlo al pomeriggio", "Come faccio a procurartelo per oggi?", "E per quando? Domani", "No, più di una settimana", "Allora venerdì", "Non questo, il prossimo". Ieri mattina, il suo viso da porcello s'inquadra all'ingresso, "E' arrivato?", faccio lo gnorri "Che cosa?", "Hai detto che mi procuravi Amandla", "Sì, la settimana prossima", "Va, bene. Allora torno questo pomeriggio", "NOOOO!", insiste, "Ti do di più se me lo procuri. Hai provato a chiedere a Nannucci", "Sì, ma ha chiuso nove anni fa". La cosa lo lascia perplesso "Ha chiuso?", "Sì", "Va bene, ci vediamo la settimana prossima". Questa mattina all'alba, mentre parlo con dei clienti, ecco la faccia da porcello furbetto, "Uei, è arrivato?". Perdo la pazienza, "NOOOO, ti ho detto la settimana prossima", ma lui, "Dai, per questo pomeriggio", "NOOOOOOO!!!", "Senti, ti do 20€ e me lo dai stasera", nel mio "no" successivo le "o" aumentano. Lui, forse rassegnato, "Allora quando lo prendo?", "Quando arriva", e lui "Ah sì, eh? E allora sai cosa ti dico? Te lo pago quando arriva" e con questa perla di saggezza ci lascia.
Domani mattina sarà ancora tra i primi ad entrare in negozio? Probabilmente sì, ma ci siamo organizzati. Dario ha trovato nell'altro reparto una copia usata di Amandla. Il dubbio è "quanto glielo metto?"; costerebbe 5€, ma mi sembra un po' troppo poco. Voi cosa ne dite?

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
91
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
87
Valutazione Utenti
 
0 (0)
3.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
4.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
5.
Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
6.
Valutazione Autore
 
65
Valutazione Utenti
 
0 (0)
7.
Valutazione Autore
 
50
Valutazione Utenti
 
0 (0)