Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
CLAUDIO LOLLI - Il grande freddo

Otto anni senza far dischi. L’ultimo avvistamento era stato il notevole “Lovesongs”, canzoni dove l’amore c’entrava sì, ma mai come svenevole aggrapparsi ad un’unica dimensione privata. Lolli, per fortuna di almeno una generazione, è uno che quando scrive “io” intende “noi”, e viceversa. Il travaso da vasi comunicanti tra persone e persona è continuo e motivato. Come dovrebbe essere, e come nessuno sa più fare. Adesso, a sorpresa, arriva questo Il grande freddo, ed ogni riferimento “sociale” è puramente voluto, perché Lolli non ha mai smesso di credere, assieme ad esempio allo scrittore  Erri De Luca,  che quanto si pensava un quarantennio fa fossero solo chiacchiere e distintivo. A prescindere dal fatto che la sconfitta storica ci sia stata, eccome: in fin dei conti anche Roger Waters oggi si domanda se “E’ questa la vita che veramente vogliamo”. E dunque: recuperati i musicisti che nel 1976 diedero polpa e caleidoscopio di suoni a “Ho visto anche degli zingari felici”, ecco il nuovo disco. Premio Tenco 2017. Dove si dice che “un grande freddo si  può sciogliere/ solo con le lacrime dei nostri furori”, dove troverete la lettera del partigiano Giovanni alla sua Nori, giù cantata anche dagli amici Gang in un bello spettacolo e nel recentissimo “Scarti di lato”. E poi, quanti ne conoscete che, come lui, per dare una definizione a chi siano oggi gli ex ragazzi del ’77 sappia ricorrere alle parole poetiche di Eugenio Montale, in “Non chiedere”, riuscendo ad essere credibile e perentorio allo stesso tempo?  Grande Lolli. Il grande freddo invece per lo spazio di nove canzoni resta fuori dalla finestra, e delegato a prossimi inverni dello spirito. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
STEVE EARLE & THE DUKES - So You Wannabe An Outlaw

Il nuovo disco di Steve Earle è dedicato a Waylon Jennings, ed è, diciamolo subito, il suo miglior disco da un bel po’; Jennings, che è scomparso nel lontano 2002, è ovviamente, l’outlaw del titolo, ma nel disco ci sono altri chiari omaggi, come al sopravvissuto per eccellenza della musica country, Wille Nelson; due cover per lui (solo nella deluxe edition, attenti!) e la condivisione del microfono nel primo brano del disco. Poi c’è il commovente ricordo del maestro-artigiano, Guy Clark, in Goodbye Michelangelo, dove il grande songwriter texano viene paragonato addirittura  al pittore rinascimentale… Sono citati inoltre, in un denso obituario, anche Merle Haggard, Steve Young, Greg Trooper e Bap Kennedy, tutti artisti scomparsi negli ultimi tempi. Il disco, però, non è per niente funereo e copre tutti gli aspetti  della musica di Earle, le ballate in punta di chitarra, il country più rigoroso con i controcanti femminili  e le sterzate rock-blues che lo hanno svelato una trentina di anni fa con il sanguigno Guitar Town. (Fausto Meirana)

Valutazione Autore
 
87 (2)
Valutazione Utenti
 
0 (0)
ROGER WATERS - Is This The Life We Really Want?

 I Floyd senza Waters sono stati un'impeccabile navicella scintillante alla deriva senza comandante in plancia a dare una direzione altra che non fosse una rotta abusata e prevedibile. Roger Waters senza i Pink Floyd attorno è stato, ed è, un comandante pieno di idee e di voglia di osare senza le persone giuste attorno per fare il grande balzo. Risultato: alla deriva gli uni, con modesti progetti solistici, alla deriva l'altro, a celebrare se stesso con un “Muro” sempre meno giustificato e sempre più monumentale. Salvo piazzare qualche colpo intermittente a memoria di antichi fasti. L'ultimo colpo ben piazzato, necessario ma non sufficiente per i Floyd è stato, checché se ne discuta, l'ambiguo e notevole Endless River: tant'è che alla guida del suono non c'erano i Floyd, ma gente floydiana quanto loro. Nel carniere: almeno tre brani memorabili. L'ultimo colpo ben piazzato di Roger Waters si intitolava Amused to Death, e parlava di un'umanità estintasi, nell'interpretazione degli alieni, perché “morta dal ridere”. Un altro modo per ribadire, nella classicità del pensiero watersiano, che “il sogno del dopoguerra” di una generazione era finito in un'esplosione che faceva l'effetto di un implosione, come nel finale di “On the Run”. Ciò premesso, il sogno del dopoguerra oggi, seppellito nel grigio argentato dei cellulari ultima generazione, a rimuovere la tempesta di colori di una generazione,  fa chiedere a Waters se “E' questa la vita che vogliamo veramente?”. No, non è questa, piena di nuovi “omuncoli del destino” alla Donald Trump che assomigliano molto ai maiali di Animals. Stipata di cattiveria, di pressappochismo, di superficialità emotiva e mediatica spacciata per velocità di informazione a vantaggio di tutti. Il vecchio e disilluso socialista inglese ricicla se stesso in parole dure e suoni magnifici e floydiani del tutto prevedibili. Quanto c'era da inventare lui lo ha già inventato. Le briciole del Sogno non saranno mai banchetti, ma, appunto, solo briciole: preziose e trascurabili. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
JOHN MARTYN - Head And Heart - The Acoustic John Martyn

Tra i grandi del folk mediato e poi del rock inglese, prima elettricamente ipnotico e digressivo, e poi in bilico tra jazz elettrico e pop sofisticato, sempre in combutta con i suoni di oltre Atlantico, autore, folk singer, chitarrista orchestra, dal sopraffino controllo barocco in fingerpicking sulle voci della sua chitarra, John Martyn è stato un personaggio geniale e controverso, ipersensibile e caratteriale, sempre sospeso tra lievi e gentili stati di grazia ed ombrosi terrificanti periodi oscuri (un doloroso oscillare tra "Grace and Danger", oltre che tra "Head And Heart", di cui sa certamente qualcosa la prima moglie, la vocalist Beverly Martyn). In questo doppio album, direttamente dagli archivi Island, la Universal ne ripropone la luminosa (mai del tutto esclusiva) vicenda acustica, prima della definitiva svolta elettro jazz popular, che probabilmente possiamo già datare a partire dal '77.

Valutazione Autore
 
86
Valutazione Utenti
 
0 (0)
DUKE ELLINGTON - An Intimate Piano Session

Discograficamente parlando il 1972 è un anno molto particolare per Duke Ellington: i due dischi fino ad oggi disponibili - “Live at Whitney” in trio e “This one for Blanton” in duo - sono delle vere e proprie eccezioni in una produzione in grandissima parte dedicata all’esecuzioni per orchestra. A confermare la singolare tendenza ne arriva oggi uno addirittura in piano solo, con l’eccezione di qualche brano in cui il Duca accompagna, da par suo, i cantanti Anita Moore e Tony Watkins, e quattro bonus tracks provenienti dai bis di un concerto del 7 novembre 1969, eseguite dal solo quartetto rimasto sul palco dopo l’uscita dell’orchestra (c’è Wild Bill Davis all’organo). Ma torniamo al piano solo, formula da sempre affascinante per la relazione necessariamente peculiare che s’instaura tra esecutore e ascoltatore: appena risuonano le note di “The Anticipation” come per magia tutto scompare e la musica prende il sopravvento.

Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
BONNIE PRINCE BILLY - Best Troubador

Si nasce incendiari e muore pompieri, o almeno così pare. È il caso di Will (Palace, Palace Bros., Bonnie Prince Billy) Oldham che non ha cambiato musica in modo drammatico dagli esordi (primi 90) ma al principio frequentava gli Slint e i Tortoise e cantava “If I could fuck a mountain, Lord / I would fuck a mountain” e oggi, invece, pubblica dischi doppi di cover country da Merle Haggard. Merle, per chiudere il cerchio, è quello che cantava “Non fumiamo marijuana a Muskogee” come risposta lla controcultura degli anni 60. Quindi country puro e duro, che Will declina con la sua voce un po’ storta e incornicia in arrangiamenti luminosi e piani. Il materiale e l’interpretazione non fanno una piega per la quasi ora del disco, con una chiusa magistrale e legnosa: If I Could Only Fly dal tardo Merle (2001) dove lui e Will si fondono un uno. (Marco Sideri)

Valutazione Autore
 
75
Valutazione Utenti
 
0 (0)
KATHRYN WILLIAMS - Songs From The Novel Greatest Hits

Kathryn Williams è una cantautrice inglese dal percorso irrequieto, tra canzone d’autore, folk e jazz. Tante variazioni di stile  però non fanno sempre  bene, tant’è vero che il suo disco più convincente è la raccolta di cover Relations di alcuni anni fa. Anche qui c’è una relazione, questa volta con un libro; Greatest Hits è il titolo scelto dalla scrittrice Laura Barnett per la storia intima  di un'immaginaria songwriter sessantenne, impegnata a compilare una propria compilation di successi e a fare un bilancio di vita. La Williams ha accettato la sfida di dare corpo a queste canzoni, basandosi sulla lettura del libro. Il risultato è piacevole, l’idea originale, ma resta un dubbio, dobbiamo prima leggere il libro, o possiamo liberamente ascoltare il disco? Secondo chi scrive il libro si presenta come opera più originale, ma anche le canzoni create dalla Williams si ascoltano con piacere, anche se affiora qui è là un eccesso di stili diversi, ma questo, talvolta, può anche essere un pregio. (Fausto Meirana)

Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)
DON BRYANT - Don’t Give Up On Love

Don Bryant è un bellissimo signore nato a Memphis 75 anni fa. Magari il nome vi dirà poco, ma forse “I Can’t Stand the Rain”, il brano originariamente scritto per la moglie Ann Peebles, vi farà drizzare le orecchie. Bene, ora che siete attenti, preparatevi all’ascolto di uno dei più bei dischi soul degli ultimi anni, suonato a livelli stratosferici da un gruppo di musicisti, giovani leoni e vecchie leggende degli ‘studios’ della città più musicale degli States, tra cui Marc Franklin e Art Edmaiston (tromba e sax della Gregg Allman Band), Charles Hodges e Howard Grimes (organo e batteria di molti dischi di Al Green e della storica etichetta HI records). Si parte con un classico come “A Nickel And A Nail”, si prosegue con la funkeggiante “Something About You”, poi una splendida ballad come “It Was Jealousy” subito doppiata da “First You Cry”, giusto per attraversare l’intera gamma espressiva di una voce eclettica, all’altezza di suoi contemporanei ben più celebri. Dieci soli brani per nemmeno trentacinque minuti di musica; ma nessun problema, impossibile non ricominciare l’ascolto dall’inizio. (Danilo Di Termini)

Valutazione Autore
 
73
Valutazione Utenti
 
0 (0)
FAZERDAZE – Morningside

Amelia Murray (in arte Fazerdaze) viene da Auckland, Nuova Zelanda. Ha 24 anni, una voce dolcemente evocativa e una netta predisposizione per il songwriting. Dopo un EP registrato tre anni fa, la ragazza approda all’agognata pubblicazione dell’album d’esordio che mette in evidenza un numero molto consistente di spunti sonori (Bjork, PJ Harvey, Julia Holter…) e una vocalità densa di arcane suggestioni. Morningside fluttua con elegante leggerezza tra riff di chitarra, percussioni, sintetizzatori, in bilico tra suoni attualissimi e ancestrali. Lucky girl (bellissimo l’intro acustico), Bedroom talks, Shoulders e Friends sono moderne ballate suggestive che affrontano la malinconia, le immancabili preoccupazioni della vita quotidiana e le relazioni umane con acume e passione. Un buon esordio, dunque, per la ragazza del Nuovo Mondo. Il talento e la creatività fanno già parte del suo bagaglio: il viaggio è appena iniziato. (Ida Tiberio)

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
87
Valutazione Utenti
 
0 (0)
3.
Valutazione Autore
 
87 (2)
Valutazione Utenti
 
0 (0)
4.
Valutazione Autore
 
82
Valutazione Utenti
 
0 (0)
5.
Valutazione Autore
 
82
Valutazione Utenti
 
0 (0)
6.
Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
7.
Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
8.
Valutazione Autore
 
78
Valutazione Utenti
 
0 (0)
9.
Valutazione Autore
 
75
Valutazione Utenti
 
0 (0)
10.
Valutazione Autore
 
75
Valutazione Utenti
 
0 (0)