Ascolta "Jazz Tracks 55" su Spreaker.

logo-disco a1e69580-d389-4ba0-a623-02709fb6531e 360xDa oggi il nostro sito viene affiancato da un altro per la vendita via corrispondenza.

Pedr ora siamo all'inizio, quindi con un magazzino inserito ristretto, ma ci stiamo dando da fare e ogni giorno aggiungeremo qualcosa.

Potete anche trovare le offerte del negozio: la prima è la 3 x 20€, ordinate tre cd della collezione, appunto, 3 x 20€ e ne pagate due.

Vi teniamo aggiornati, questo è il link di discoclub65.myshopify

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
ARAB STRAP - As Days Get Dark

"Mentre i giorni si fanno bui". Ecco: il tempo passa. La nostalgia, per quando i giorni bui non erano, gioca un ruolo fondamentale nei gusti, successi e insuccessi della musica intorno. E così assistiamo a continui ritorni: revival più o meno riusciti di glorie più o meno vecchie per tribù e scene più o meno in salute; operazioni che prescindono o quasi dal futuro. Tutte cose legittime ma, in ultima analisi, auto-celebrative. Il ritorno (a sedici anni dallo scioglimento) degli Arab Strap da Falkirk (Glasgow, Scozia) odorava di nostalgia per pochi. Beh, "ADGD" va ben oltre: è un disco ottimamente scritto, monologhi sentimentali biasciati con forte accento scozzese da Aidan Moffat, su sfondi musicali (a cura di Malcolm Middleton) che vanno dall'elettronico-saltellante al pizzicato-folk. Sia la melodia che il lirismo (per chi lo bazzica) sono da applausi. Senza nostalgia. (Marco Sideri)

compra

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
JOE STRUMMER - Asssembly

Che ne pensate di Joe Strummer? Perché tanto vale iniziare così a raccontare "Assembly". Non è solo la musica il punto di questa raccolta (best of di Joe dopo i Clash). È proprio il personaggio Strummer, musicale e umano, a guidare i pezzi all'inseguimento delle musiche del (suo) cuore. Reggae, rock stradaiolo, country, dub, folk, mariachi, rockabilly, persino disco nella Love Kills da "Sid & Nancy" di Alex Cox. Qui trovate quei Joe: in macchina perso per le coste spagnole, in giro per il mondo con un sound system al nastro adesivo, nella Londra caraibica e nelle periferie delle metropoli. Non sono definitive, queste canzoni. Tutto il contrario. Joe Strummer è uno che è partito dal definitivo (i Clash) per poi dare conto di dubbi e svarioni. Qui ne trovate 16 (dai Mescaleros alle cover alle colonne sonore) e sentirle di fila lascia, alla fine, un sorriso stampato in faccia.

compra

curved airUna delle band britanniche più popolari, pioniere del progressive rock anni 70’. Esoteric Recordings propone una nuova edizione di quattro grandi classici usciti tra il 1970 e il 1973, “Air Conditioning”, “Second Album”, “Phantasmagoria”, “Air Cut”.

compra

juradoIn uscita il 14 maggio
Prenotazione con sconto dell'8% da oggi al 30 aprile
Indicare come codice sconto "prenotazione"

"On The Monster Who Hated Pennsylvania, Damien Jurado gathers up ten stories of people determined not to be broken by their dire circumstances. 'The world is a liar, the stars are a must,' he sings over brushed drums, a circling bassline, and acoustic guitar on 'Helena,' which opens his 17th album, the first release from Damien's own Maraqopa Records. Dire circumstances have long been fixtures of Jurado's songs, which are filled with ghosts, killers, cruel lovers, and the occasional UFO cult or false messiah. But here, the scenes are earthy, drawn from ordinary but no less immense calamities: hurricanes moving toward town, strained connections, amnesiacs in the front yard. On The Monster Who Hated Pennsylvania, Jurado pulls the curtains shut, blocking out 'the light now embarrassed and afraid of the dark,' as he sings on 'Tom,' one of the album's haunting numbers, only to throw them open the exact moment sunshine needs to come flooding in.

compra

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR - G_d’s Pee AT STATE’S END!

A qualcuno la pandemia non cade male. Non personalmente, è ovvio; musicalmente però si. L'apocalisse è una costante, dal principio, per la musica dei GY!BE. Il primo disco si apriva con un campionamento che sentito oggi fa tanto Nostradamus: "La macchina è in fiamme e nessuno è al volante". Era il 1997 e il suono (alluvionale, strumentale, maestoso) del collettivo canadese irrompeva con trambusto sulla scena. È il 2021 e la musica non è cambiata nella sostanza; è più morbida, forse, ma il connubio tra elettricità (rock?) e spazi di archi e dilatazioni (post?) rimane intatto. E così "G'sPAS'SE!" farà certamente felici quanti già seguono il gruppo: ci sono frammenti, dissonanza, melodia, vuoti e pieni, militanza e violoncelli. Per chi il gruppo non segue: tentare non nuoce affatto. Che i GY!BE si sono allineati, di nuovo e magistralmente, con lo spirito dei tempi. (Marco Sideri)

compra

pinkPrenotazione con sconto dell'8% per un mese, da oggi al 11 aprile. Indicare come codice sconto "prenotazione"
Lo storico set del concerto Silver Clef Award Winners a Knebworth del 1990 in uscita per la prima volta in cd ed in doppio vinile. le tracce includono Comfortably Numb, The Great Gig In The Sky e Wish You Were Here. In uscita il 30 aprile.

In uscita il 16 aprile

jethro 1024x10242x

Prenotazione con sconto dell'8% da oggi al 13 aprile

A è uno degli album emblematici del gruppo, non tanto per l'ispirazione (non è certamente uno dei più apprezzati in assoluto dai fans), quanto per il fatto che ha segnato la fine dell'epoca folk.

compra

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
87
Valutazione Utenti
 
0 (0)