Rock

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
GRANT-LEE PHILLIPS - The Narrows

Il concentrato legame tra romanticismo, memorie, sacrifici e tragedie storiche e abilità senza eguali – unito a quelle speranze, paure e isolamento che accompagnano una transizione – forma lo scenario di "The Narrows", l'ultimo album di Phillips in uscita per Yep Roc Records. Inondato da una boscosa e avvolgente e vibrante atmosfera di suoni, le tredici tracce dell'album sono marcate da un bramoso senso di risolutezza. Questo set di brani si muove tra il personale e lo storico – come un obiettivo che zooma avanti e indietro. Si concentra sui Creek e sui Cherokee, da cui Grant‐Lee Phillips discende, e sulle loro vicissitudini su una terra che non possono più chiamare casa. Il disco è imperniato delle storie e delle energie di quei territori e di quelle persone. "The Narrows" bilancia la storia con la personale realtà di Phillips, tra luoghi di nascita, continui scambi tra matrimonio e paternità, e la scomparsa di suo padre. "Un giorno mi avventurerò in quelle terre dell'Arkansas da cui proviene la famiglia di mio padre" spiega Phillips. "C'è una parte giù al fiume vicino alla vecchia casa di famiglia conosciuto come The Narrows – la parte non tanto amichevole in cui lotti contro la corrente e provi a non venir trascinato via. Ci vedo una metafora in tutto questo...". In uscita giovedì 17 marzo.

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
RICHMOND FONTAINE - You Can't Go Back If There's Nothing To Go Back To

La Décor Records è lieta di presentare il decimo album in studio dei re dell'alternativecountry Richmond Fontaine, alla loro prima uscita dopo 5 anni di assenza. Il compositore della band, Willy Vlautin, ha dedicato questo disco a tutti quelli che hanno raggiunto il limite, stanno per raggiungerlo o sono lì lì per scontrarcisi. È un disco che parla del prezzo da pagare per vivere come si vive. Registrato e prodotto a Portland, Oregon, da John Askew nei Flora Studios, "You Can't Go Back" vede alla batteria Sean Oldham, Dan Eccless alla chitarra e Paul Brainard alla pedal steel. Freddy Trujillo (The Delines) e il suo basso si sono uniti per la prima volta alla band mentre l'amica di lunga data Jenny Conlee (The Decemberists) ha dato il suo contributo alle tastiere. Con un'atmosfera così familiare, il cantautorato di Vlautin ha avuto ampio spazio per raggiungere profondità, intimità e intrinseco valore artistico. Disponibile da giovedì 17 marzo.

Valutazione Autore
 
88
Valutazione Utenti
 
0 (0)
JEFF BUCKLEY - You And I

La santificazione immediata post mortem è fenomeno diffuso e irritante, nel mondo del rock: vedi alla voce Brian Jones, Kurt Cobain, Jim Morrison, Jimi Hendrix, e via citando. Jeff Buckley incluso. Ma cotanto innervosiente accadimento è pareggiato anche dallo snobismo indifferente ad ogni uscita postuma, a prescindere, come avrebbe detto Totò. Jeff Buckley, o meglio, la sua figura splendida ed evanescente sparita poi per sempre ha patito entrambe le sorti. Il consiglio secco è di evitare polemiche, e di procurarsi subito il disco: che per fortuna non è afflitto da sovraincisioni inopportune, come capitò ad altra raccolta, non è l'ennesimo “live” spacciato per quello definitivo del ragazzo che fece in tempo a completare un solo disco capolavoro, ed è, semplicemente, una raccolta di canzoni, soprattutto “cover”, che nel '93 in studio Jeff provò e incise più che altro per sondare se stesso e il suo repertorio, consapevole che lo attendevano serate intense, a volte estenuanti nel circuito dei locali. E serviva (bel) materiale. C'è una primordiale Grace, e l'idea, letteralmente “narrata”, di Dream Of You And I. Ma troverete anche nuove versioni di Calling You, una Just Like A Woman dylaniana da pelle d'oca, un paio di schegge dolenti degli Smiths, una dai Led Zeppelin, perfino un inedito sondaggio a casa Sly & The Family Stone. Gioiellini tirati fuori da un mucchio di polvere.Tirati a lucido, e che brilleranno, ora, per sempre. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
LUCIANO FEDERIGHI - By The Lonely Lights Of The Blues

Luciano Federighi è uno dei “tesori nascosti” delle note in libera declinazione afroamericana della Penisola. Lo guardi da fuori, e vedi un simpatico colosso barbuto di mezza età che disserta con amabile ed enciclopedica sicurezza di ogni rivolo delle note blu, specialmente quelle che hanno a che fare con gli aspetti più vari della vocalità, ed infatti il Nostro professore e ricercatore è. Poi quando mette le mani su una tastiera, o gli viene un'idea, si trasforma in una perfetta macchina da costruzione di memorabili blues a stelle e strisce, e non solo. Perché dalla sua ha anche un vocione da baritono attraversato da insospettabili armonici al miele, insomma, un Howlin’ Wolf che ha anche la dolcezza di un micio. Questo è l’ultimo disco, e al solito “Big Luciano” si fa aiutare da gente scaltrita che ha un piede nel jazz, e uno nel blues ed affini: vale a dire Michela Lombardi alla voce, Alessio Bianchi alla tromba, Dave Moretti all'armonica (e che armonica!), Andrea Garibaldi al piano, Tiziano Montaresi alla chitarra, Mirco Capecchi al basso. Sedici brani uno più bello dell’altro. E se qualcuno vi dice che non esiste una via toscana al blues, fategli ascoltare questo disco senza dirgli nulla. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
89
Valutazione Utenti
 
0 (0)
THE CORAL - Distance In Between

Sono passati ben sei anni dal bellissimo “Butterfly House”, ultimo disco dei Coral con materiale nuovo. Un’attesa lunga, ma ricompensata oggi da dodici brani ad alto livello, che scorrono senza alcun momento di pausa. Nonostante nella formazione della band compaia un nuovo chitarrista, Paul Molloy (ex Zutons) al posto di Bill Ryder-Jones, passato alla carriera solistica, il sound mantiene intatte le note ed apprezzate connotazioni rock-pop-psichedeliche; l’ascolto evoca nomi importanti e spesso li richiama insieme; in “Chasing the tail of the dream”, ad esempio, sembra di avere di fronte i primi Pink Floyd con infiltrazioni Charlatans; in altri brani vengono in mente i Jefferson Airplane a spasso con gli Arctic Monkeys o i Creedence Clearwater Revival con i Primal Scream; insomma, non mancano le suggestioni; un esempio di come si possa fondere alla perfezione il gusto per la buona musica del passato con quello per l’attuale; sicuramente uno dei primi dischi a segnare la nuova annata musicale (Marco Bonini)

Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
THE CHANFRUGEN - Shah Mat

Se riuscite a far la tara sulla copertina con chicchi di riso a contornare scacchisti, immagine non esattamente invogliante all’acquisto o a dare indicazioni di contenuto, sappiate che Shah Mat è un (altro) gran  bel disco che arriva dalla Liguria, e di cui andar fieri. Il trio arriva da Andora si muove con scioltezza e notevole originalità su piste che di certo non sono le più agevoli, né le più frequentate. Diciamo una psichedelia sonante e pesante che mette in conto ricordi di High Tide e di Hendrix, ma un Hendrix filtrato dalla lezione assai più acida e gemente di un Robin Trower. O dei gloriosi primi Gleemen, a proposito di liguri.  Poi magari certe note non sono le più evidenti, nella coscienza, e vale invece tutto io filone più hard blues dello stoner, ma occhio che i giochi non son0 finiti lì: perché alla fragorosa miscela indicata dovrete aggiungere anche assortite spezie prog, per l’imprevedibilità di certi esiti, alle soglie di quei profili melodici mediorientali che piacevano a Quintessence e Kaleidoscope, imprevedibilità peraltro garantite da ospiti come Agotino Macor della Maschera di Cera, tastiere, e Emanuele Miletti, sitar. I testi sono scritti con gusto, e con una voluta attenzione alle capriole di senso. Insomma, molta carne al fuoco, ma anche molta sostanza, all’ascolto. (Guido Festinese)

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
3.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
4.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
5.
Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)
6.
Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
7.
Valutazione Autore
 
79
Valutazione Utenti
 
0 (0)
8.
Valutazione Autore
 
75
Valutazione Utenti
 
0 (0)
9.
Valutazione Autore
 
75
Valutazione Utenti
 
0 (0)
10.
Valutazione Autore
 
73
Valutazione Utenti
 
0 (0)