Rock

Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
GARLAND JEFFREYS - 14 Steps To Harlem

Cosa vi aspettereste da un vecchio zio di settantaquattro anni che andate a trovare una domenica pomeriggio nella sua casa di mattoni di Brooklyn? Oltre a bibite e dolcetti anche una buona dose di storie e ricordi; e se lo zio fosse un musicista, canzoni. In realtà, nel caso aveste la fortuna di essere il nipote di Garland Jeffreys, il problema sarebbe trovarlo a casa, visto che il giovanotto sta per iniziare un lungo tour che lo porterà anche in Italia, il 25 giugno, a Vicenza. E allora immaginiamo che abbia affidato a questo quindicesimo disco i suoi racconti: l’infanzia con il padre che si recava ad Harlem per lavorare (la canzone che dà il tiolo all’album), un’adolescenza (”Schoolyard Blues”) complicata dalla sua identità multirazziale (newyorchese, ma di origine portoricana, troppo scuro per i bianchi,  tropo chiaro per i neri: “Colored Boy Said”), l’amore per sua moglie (”Venus”) e il tempo che se ne va (“Time Goes Away”) con sua figlia (o vostra cugina) Savannah alla voce a al pianoforte. Il ragazzo poi ha sempre goduto di buone frequentazioni (e di ottima fama): ad esempio l’amicizia ai tempi del college con Lou Reed, ricordato con la cover di “Waiting for the Man” e dallo struggente violino di Laurie Anderson in “Luna Park Love Theme” (che a New York è sinonimo di Coney Island, baby).

Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
THE MAGNETIC FIELDS - 50 Songs Memoir

Per fare un disco oggi bisogna fare qualcosa di più di un disco; o almeno provare. Il disco (inteso nel senso di album) sta vivendo la sua crisi più grande da quando, negli anni 60, del secolo scorso, spodestò il singolo (45 giri). Chi ha più tempo di sentire 10/12 canzoni in fila? Chi ha più voglia di pubblicare 10/12 belle canzoni in una botta? Ecco, questo qui è qualcosa di più di un disco: è un progetto/istallazione/autobiografia; è il luogo dove Stephin Merritt (voce e cuore dei MF, nato il 17 gennaio del 1966) mette in musica i suoi primi 50 anni di vita, con una canzone l’anno; dall’ingenuità acustica della fanciullezza, attraverso il tumulto disco dell’adolescenza; fino alla pace cantautorale dell’età definitivamente adulta. Un lavoraccio; e menomale (per noi) che SM è penna affilata e a tratti sublime. Altrimenti sai che noia, 50 canzoni di fila? (Marco Sideri)  

Valutazione Autore
 
87
Valutazione Utenti
 
0 (0)
THURSTON MOORE - Rock N Roll Consciousness

Mentre i dischi dei Sonic Youth, a trent’anni dalla loro pubblicazione, sono diventati materiale per sostanziose De Luxe Edition e Kim Gordon affida ad una biografia i suoi ricordi di quando era “Girl in a Band”, Thurston Moore continua indefessamente il suo percorso tra sperimentazione, avanguardia (anche jazz, uno dei suoi ultimi dischi è un duo con John Zorn) e rock’n’roll. Qui fin dall’emblematico titolo si capisce in che territorio ci troviamo, in un ambito che guarda alla tradizione (certo, quella più punk, garage e hardcore, nel solco di quello che avevano fatto gli Youth peraltro), ma con uno sguardo verso la psichedelia West Coast.

Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)
DANKO JONES - Wild Cat

Mai titolo fu più semplice e diretto: Wild Cat, gatto selvatico. Che ti aspetti da un felino non pacificato? graffi improvvisi, flessuosità inarrivabile, scatti di potenza, languori assortiti e improvvisi. E così è lo street rock ‘n’ roll dei canadesi Danko Jones. Che prendono nome dal cantante e micidiale chitarrista, che non  hanno e non pretendono  di avere una briciola di originalità, non cambieranno il corso della storia del rock di un centimetro, ma in futuro andranno annoverati tra i più solidi e navigati esponenti del genere.  Riff adrenalinici e rocciosi al contempo, di pura scuola inglese primi anni Settanta, una spruzzata gustosa di finezze glam rock, qualche accelerazione che sarebbe piaciuta pure ai Ramones, una sensazione contagiosa di gioia di brano in brano che non lascia dubbi. I Danko Jones sono rumorosi , allegri e potenti, senza essere paludati come i Wolfmother. Se avete bisogno di una bella scrollata alle orecchie, questo è il disco che fa per voi. Porta via ogni scoria. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
TIMBER TIMBRE - Sincerely, Future Pollution

I canadesi Timbre Timber già ci erano piaciuti con il precedente Hot Dreams, un po’ per la bella bella voce di Taylor Kirk, un po’ per le atmosfere cupe e ricercate; con Sincerely, Future Pollution sembrano mettere sul piatto pietanze più gustose. Già dal secondo brano, il graffiante Grifting, un riuscito ibrido tra i primi Roxy Music e i Talking Heads di Remain In Light,  il gruppo sembra cercare vie meno banali  rispetto al ruffiano pezzo d'apertura, il comunque delizioso Velvet Gloves & Spit (che però sembra utilizzare qualcosa di già sentito ma sfuggente). Nei brani c’è un grande uso di synth, archi elettronici e tastiere vintage come il clavinet, mentre altrove emergono sconfinamenti nella musica da film come nei due non banali strumentali Moment e Bleu Night. Meglio ancora sono le scurissime Sewer Blues e l’apocalittica  title track. Nel brano finale, Floating Cathedral, una dolce ballata, sembra di riconoscere  il tema di Twin Peaks, ma forse è un abbaglio... Con una certa tranquillità, comunque, metterei già  questo disco tra i migliori dell’anno, anche a dispetto della insignificante copertina. (Fausto Meirana)

Valutazione Autore
 
82
Valutazione Utenti
 
0 (0)
COCO MONTOYA - Hard Truth

C'è un  parte del blues elettrico nordamericano che, per fortuna di chi ama ascolti intensi e ad alta temperatura emotiva, continua ad attingere folate calde e pastose dal Sud, e in particolare dalle zone di New Orleans e dintorni. Un piccolo campione del genere è il signor Coco Montoya, già sotto l'ala protettrice di un gigante spiritato e spiritoso come Albert Colilns, ed ormai in piena carriera solistica sulle proprie robuste gambe. Qui troverete un compendio di blues chicagoano in salsa southern: tant'è che, per citare qualcuno, il terzo e l’ottavo brano, Lost in the Bottle e Hard as Hell, potrebbero tranquillamente essere usciti da una jam session della gloriosa Allman Brothers Band. Per il resto shuffle impetuosi, riff monumentali e consueti magari con gran dispendio di wha wha, una voce virile e sempre incattivita che deve fronteggiare uno stile chitarristico altrettanto battagliero, a partire dall'attacco imperioso sulla corda in assolo e nelle “risposte” consuete ai versi cantati. Si sarà compreso: nulla di nuovo sotto il sole, ma tutto assai convincente e godibile. (Guido Festinese)

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
99
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
3.
Valutazione Autore
 
86
Valutazione Utenti
 
0 (0)
4.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
5.
Valutazione Autore
 
82
Valutazione Utenti
 
0 (0)
6.
Valutazione Autore
 
81
Valutazione Utenti
 
0 (0)
7.
Valutazione Autore
 
77
Valutazione Utenti
 
0 (0)
8.
Valutazione Autore
 
77
Valutazione Utenti
 
0 (0)
9.
Valutazione Autore
 
75
Valutazione Utenti
 
0 (0)