Il Diario di Disco Club

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 10 giugno
La musica salva la vita, giusta definizione data da Ago, quando gli ho raccontato l'avventura accaduta molti anni fa al cliente appena uscito prima del suo arrivo.
Ci racconta questi, Roberto, che negli anni '70 mentre stava entrando a scuola, il Giorgi, è scoppiata una vera e propria guerra tra due diversi gruppi extraparlamentari di sinistra; uno dei belligeranti, appartenente al gruppo Stella Rossa, spara contro gli avversari, ma colpisce il malcapitato Roberto, che proprio in quel momento stava transitando. La pallottola sarebbe indirizzata (anche se casualmente) al cuore, ma subisce una deviazione che ne attutisce la forza e la fa conficcare sotto la parte sinistra dello sterno, con grande perdita di sangue, ma nessun danno grave. "Pensa, ce l'ho ancora qui – e mi mostra il punto dove da quarantanni giace il proiettile - pochi centimetri e non sarei qui a raccontartelo", "Meno male – il mio io cinico esce fuori – oggi avrei incassato duecento euro in meno. Ma dimmi, cos'è che ha deviato la pallottola?", "Guarda, io andavo sempre a scuola con i vinili che compravo da te, quel giorno avevo sotto il braccio il lp di Emerson, Lake e Palmer, Pictures at an Exhibition, il proiettile lo ha bucato, ma ha perso forza ed è stato deviato di quel tanto che mi ha salvato la vita". Appunto, la musica salva la vita.

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Diario - Dal 3 al 8 giugno

Diario del 3 giugno

Lo confermo, l'ho già detto sabato, non azzecco più i gusti degli acquirenti; anche oggi primi tre clienti e tre errori. Primo, più o meno mio coetaneo, mi sembra un tipo da musica melodica italiana anni '60, invece, "Ha i dischi di Arianna Antinori?" (vedi foto a destra), "Attualmente no", "Strano che non si trovino, è brava, la Janis Joplin italiana, pensi che ha cantato col gruppo della grande Janis – concludendo, forse condizionato dalla sua attuale condizione – anche se quelli avranno suonato col catetere".
La seconda è molto giovane, gira per il negozio e ho l'impressione che cerchi qualcosa che non ho, "Vorrà qualcuno dei finalisti di Amici" penso e le chiedo rassegnato, "Dimmi pure se cerchi qualcosa", "Volevo solo sapere se avete e quanto costa l'ultimo dei National". I National!!! Io e gli altri due clienti le saltiamo addosso, novelli satiri musicali, "Che classe fai?", "Terza media", "Come mai i National?", "Me li ha fatti conoscere mia mamma", "E tuo papà?", "E' un fan dei Pink Floyd", "I tuoi compagni di classe?", "Oh, loro sentono quello schifo di musica tipo One Direction", ed io butto lì, "Moreno ti piace?", "Moreno? Non lo conosco". Ormai noi tre uggioliamo letteralmente, però di gioia: innalziamo questa giovane pulzella a novella Giovanna D'Arco contro la muzak propinata da radio e televisioni, tanto più che dieci minuti dopo essere andata via, torna con i soldi e compra Trouble Will Find Me. Dimenticavo, la ragazzina si è presentata in negozio con una maglietta verde, ma sapete che verde? Proprio il verde Disco Club! Un segno del destino?

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Diario - Dal 27 maggio al 1 giugno

Diario del 27 maggio

Trasmissione interrotta per.....congiuntivite....

Diario del 28 maggio

Incontro ravvicinato tra malaticci oggi in negozio: il raffreddato e "congiuntivato" proprietario riceve la visita dell'influenzato Beppe Gambetta e della consorte Federica. I nostri discorsi vengono interrotti da una ragazza, "Scusi mi può dire dov'è l'oculista Saverio?", "Mai sentito, sei sicura che sia in via San Vincenzo? Non è che come molti ti confondi con via San Lorenzo?", "Sì, c'è la pubblicità su tutti gli autobus!", "Oculista o ottico?", mi guarda interdetta, interviene anche Federica, "Oculista è un dottore, ottico il negozio che ti vende gli occhiali", "Ah sì, quello!". M'impietosisco "Cerchiamo su internet", non c'è nessun Saverio, allora insisto "Sei sicura che non sia in San Lorenzo? Non è che sia Sparviero?", e lei entusiasta "Sìììì, quello!". Equivoco spiegato, ma adesso incomincia il peggio; lei, "Ma dov'è via San Lorenzo", "Scusa, ma non sei di Genova?", "Sì", "E non sai dov'è San Lorenzo?", interviene Beppe, "La cattedrale", io "Piazza Matteotti", Federica, "Il Ducale", niente da fare, dobbiamo retrocedere fino al Ponte Monumentale e da lì descriverle passo per passo come si arriva da Sparviero.

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Diario - Dal 20 al 25 maggio 2013

Diario del 20 maggio
"Rissa nel più vecchio negozio di dischi di Genova", mi vedevo già questo titolo nella pagina della cronaca del Secolo XIX, e di seguito "contesa con lancio del disco tra due clienti, nel senso che i cd volavano sulle teste dei presenti". Per fortuna le cose non sono arrivate fino a questo punto, ma c'è mancato poco. Cos'è successo? Prima di tutto ci tengo a dire che io questa volta sono completamente innocente, nel senso che non sono stato io ad aizzare i due contendenti. La cosa è incominciata a sorpresa, fino a quel momento si andava avanti a suon di battute inoffensive e risate. Oltre a me erano presenti il geometra, Massimo e Gabriele, quest'ultimo se ne esce con "Non so cosa p(r)ende(r)e oggi" (con la sua erre moscia che spariva tra le vocali) e Massimo (con la stessa erre) "P(r)ende(r)ai la solita schifezza", Gabriele s'irrigidisce e non lo considera "Dammi il nuovo dei Low", "Ecco lì, te l'ho detto che p(r)endevi un disco di me(r)da". Ecco la mina, Gabriele impazzisce, "Pa()li di me()da (nella foga la erre è completamente sparita) tu, che con quella pancia (Massimo è dotato di una notevole circonferenza) sei pieno di me(r)da (con un po' di sforzo una mezza erre è tornata)", Massimo pensa ancora allo scherzo e insiste sul disco di merda, Gabriele non scherza per niente, prende il cd e....no, non lo tira in testa al rivale (meno male), lo paga e andandosene raddoppia il contenuto della pancia di Massimo, concludendo con "Panzone di me(r)da".

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Diario -Dal 14 al 18 maggio 2013

Avevo detto che non sapevo se sarei andato avanti col diario quotidiano di facebook, ma, appena l'ho scritto, sono stato investito da una valanga di richieste di continuare e, a queste, si sono aggiunte quelle di chi non è sul social network e vuole leggerle sul queste pagine. Quindi vado avanti, finchè ci riesco e fino a quando c'è qualcosa da raccontare, e sul sito pubblicherò il riepilogo settimanale.

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Facebook Diario

Tre mesi fa, quasi per scherzo, ho dato il via ad un diario del negozio. Pensavo di scrivere, ogni tanto, sul gruppo e sulla pagina facebook del negozio le cose strane che vi succedevano e le richieste strampalate. Il fatto è che in realtà l'appuntamento è diventato quotidiano e oggi festeggia il primo trimestre di pubblicazione. Non so se continuerò, ma per ora faccio il riepilogo di questi tre mesi per quelli che non sono iscritti a facebook: eccovi sotto il diario quotidiano di Disco Club. (foto Alberto Terrile)

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
94
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
94
Valutazione Utenti
 
0 (0)
3.
Valutazione Autore
 
94
Valutazione Utenti
 
0 (0)
4.
Valutazione Autore
 
92
Valutazione Utenti
 
0 (0)
5.
Valutazione Autore
 
91
Valutazione Utenti
 
0 (0)
6.
Valutazione Autore
 
87
Valutazione Utenti
 
9 (1)
7.
Valutazione Autore
 
86
Valutazione Utenti
 
0 (0)
8.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
9.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
10.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)