citizenkane_window

I campionati mondiali di calcio sono probabilmente l'evento sportivo più seguito del pianeta e l'industria della musica non può certo farselo scappare, senza provare a trarne un po' d'ossigeno per una situazione sempre più asfittica. Quattro anni fa ai mondiali del Sudafrica il colpo era riuscito con Shakira e il "Waka Waka" (il singolo era arrivato alla prima posizione delle classifiche in 19 nazioni); nella speranza di replicare il successo il Brasile ha già prodotto un inno ufficiale: "We Are One (Ole Ola)", un ritmo di samba semplice semplice, innervato da inserti pseudo-rap di Pitbull, qualche colpo d'anca di Jennifer Lopez e filmati di grandi campioni del passato e del presente (tra i quali Carlitos Tevez che i mondiali però se li guarderà dall'Argentina).One-Love-One-Rhythm-The-2014-FIFA-World-Cup-Official-Album-1200x1200-e1397115541995 Non bastasse una canzone sola ecco la compilation, "One Love, One Rythm – The 2014 FIFA World Cup Official Album", con brani di Santana, Sergio Mendes, Shakira e Carlinhos Brown, Isley Brothers e altri. Invece gli alternativi no-global che protestano contro i mondiali in Brasile hanno "Esculpe, Neymar" di Edu Krieger; a un primo ascolto è decisamente meglio dell'inno ufficiale. L'Italia, intesa come Nazionale di calcio, per non restare indietro, ha commissionato ai Negramaro un inno; forse a corto d'idee o forse di tempo, hanno prodotto solo la cover di "Un Amore così grande" (brano portato al successo da Mario Del Monaco). Per correttezza diciamo che tutti i proventi saranno devoluti all'associazione AISLA e all'AISM (però tra i nomi degli autori appare anche quello di Sangiorgi, forse per il nuovo arrangiamento: un po' di SIAE non si nega a nessuno).
Infine, almeno per ora, la sigla delle trasmissioni Rai dedicate a Brasile 2014: a Mina l'onore di una filastrocca sambata, "La Palla è rotonda", il cui testo riprende frasi e modi di dire del linguaggio calcistico. Un divertissement di classe, ma al limite della banalità e senza il fascino di "Ossessione 70", un brano scritto da Fausto Cigliano nell'anno di Italia-Germania 4-3 (ripreso due anni dopo proprio da Mina). Una bossa nova languida che snocciola la formazione di quella storica nazionale, un autentico capolavoro del non sense; proprio come a volte ci appare il mondo del calcio e quello della musica.

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
3.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
4.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
5.
Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)
6.
Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
7.
Valutazione Autore
 
79
Valutazione Utenti
 
0 (0)
8.
Valutazione Autore
 
75
Valutazione Utenti
 
0 (0)
9.
Valutazione Autore
 
75
Valutazione Utenti
 
0 (0)
10.
Valutazione Autore
 
73
Valutazione Utenti
 
0 (0)