Stampa
PDF
Indice
BOB DYLAN & HIS BAND - Tournée 2009
Pagina 2
Tutte le pagine
 
Concerti Concerti BOB DYLAN & HIS BAND - Tournée 2009
 

BOB DYLAN & HIS BAND - Tournée 2009 Hot

Live in München, 4 Aprile 2009;

Saarbrücken, 5 Aprile 2009;

Paris, 7 April 2009; Paris, 8 April 2009

ImageAlle quattro del pomeriggio un discreto numero di fan sono già in sosta davanti ai cancelli dello Zenith di Monaco, un brutto capannone industriale che rivelerà una del tutto inaspettata buona acustica. Lo show è sold out da tempo, come gran parte dei concerti di Bob Dylan in Europa dal 2007 in poi. Intorno alle sei le porte si aprono e parte la corsa alle transenne, che la security cerca invano - e piuttosto stupidamente - di bloccare. Alle otto in punto si comincia: la band prende posto sul palco nella semioscurità, subito seguita da Dylan. Partono le prime note di Maggie’s Farm, con un nuovo arrangiamento piuttosto tirato. Poi, a sorpresa, One More Cup Of Coffee, accolta con grande entusiasmo dal pubblico; anche in questo caso il nuovo arrangiamento, costruito intorno alle tre chitarre, è di grande efficacia e l’emozione assai forte. Per You Ain’t Going Nowhere Dylan è alla chitarra, al centro del palco; torna invece dietro le tastiere, con alle spalle l’Oscar vinto nel 2000, per Things Have Changed, che è infatti il quarto pezzo: per quanto la versione dello scorso anno, con il violino di Donnie Herron a far da protagonista, fosse molto riuscita, anche quella odierna è di grande qualità; soprattutto, Dylan sfodera una voce in perfetta forma, che sarà la caratteristica centrale di questo concerto e dei successivi. Segue Just Like A Woman, con il pubblico al completo a intonare il chorus e Bob che dà spazio, aspettando la fine per aggiungere il controcanto. Rollin' And Tumblin' è veloce e infuocata quanto Hattie Carroll è soffusa e meditata, anch’essa con un arrangiamento parzialmente nuovo, soprattutto per quanto riguarda le linee melodiche della voce. Per Tweedle Dee & Tweedle Dum Dylan è di nuovo al centro del palco, questa volta con la sola armonica: è decisamente la miglior versione di questo brano che io abbia mai sentito (e ne ho sentite un certo numero...); il palco è quasi buio, con le ombre dei musicisti proiettate sullo sfondo, l’armonica conferisce al brano un certo feeling sudista, e l’insieme che ne risulta ha un qualcosa di inquietante che arricchisce notevolmente l’originale. Anche Sugar Baby beneficia di un nuovo arrangiamento, al pari di Hollis Brown, entrambe molto intense. Nel mezzo Highway 61, che riesce sempre a trascinare con l’energia che la band le infonde. Segue una fantastica versione di Workingman's Blues, che Dylan canta con una intensità e un crescendo eccezionali: difficile dire se sia un commento sociale o solo un momento di grazia, ma il pubblico è in estasi. Il concerto si conclude, come di consueto in questo periodo, con Thunder On The Mountain e Like A Rolling Stone, seguite dai bis: All Along The Watchtower, Spirit On The Water, Blowin' In The Wind. Molto più che un concerto solido, vista la qualità della scaletta e alcune vere e proprie gemme.

ImageIl giorno successivo appuntamento a Saarbrücken. La Saarlandhalle è carina e non enorme, un misto fra un teatro e una grande sala da ballo; posti a sedere laterali, pista nel mezzo. Alle sei e trenta la solita corsa alle transenne, poi il concerto che comincia con la consueta puntualità e un’ottima Gotta Serve Somebody, seguita da Lay, Lady, Lay, che Dylan esegue alla chitarra. The Levee's Gonna Break è totalmente differente da Modern Times, accelerata ed energica. Poi Every Grain Of Sand, sempre una scelta eccellente, soprattutto quando è cantata in un giusto crescendo come stasera; al pari del concerto di Monaco, la voce di Dylan funziona perfettamente, come dimostra poco dopo in una incredibile Stuck Inside Of Mobile, cantata con timing e armonie perfette, nonché con grande divertimento, quasi che il nonsense del testo colpisca in primo luogo il suo autore. Altro highlight del concerto, una ritrovata Po’ Boy che non si sentiva da diversi anni, proposta in una versione leggermente rinnovata e molto bella. I Believe In You non è proprio una sorpresa, in quanto suonata in alcune serate precedenti, ma è sempre una grande scelta. Il concerto si conclude come la sera precedente; nuovamente un’ottima scaletta e alcune grandi esecuzioni, meno apparizioni di Bob al centro del palco, se non per Lay Lady Lay e, alla fine di Blowin' In The Wind (com’è ormai consueto), con la sola armonica e una specie di buffa danza.


Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
82
Valutazione Utenti
 
0 (0)