Stampa
PDF
 
Rock Recensioni Sharon Van Etten - We've Been Going About This All Wrong
 

Sharon Van Etten - We've Been Going About This All Wrong Sharon Van Etten - We've Been Going About This All Wrong

van etten2022Sharon Van Etten è sempre stata il tipo di artista che aiuta le persone a dare un senso al mondo che le circonda, e 'We've Been Going About This All Wrong' si occupa delle domande che ci poniamo quando pensiamo al mondo – o almeno, al nostro mondo – e come potrebbe finire. Abbiamo amato come potevamo? Ci siamo sforzati abbastanza? Come proteggiamo le cose per noi più preziose dalle forze distruttive al di fuori del nostro controllo? E come possiamo salvare qualcosa di utile quando sembra che tutto sia perduto? Il nuovo album di Sharon Van Etten è una risposta a questi quesiti e su come i cambiamenti possano essere sia positivi che negativi. 'We've Been Going About This All Wrong' articola la bellezza e il potere che possono essere salvati dai nostri rottami.

Acquistabile su sumup

Dall'uscita del ormai classico 'Remind Me Tomorrow' nel 2019 Sharon Van Etten ha collaborato con artisti del calibro di Josh Homme dei QOTSA, Courtney Barnett, Norah Jones, Angel Olsen, Fiona Apple, Lucinda Williams, i Big Red Machine e gli Idles. Ormai celebrata come una delle principali cantautrici degli ultimi 15 anni Sharon ha ripreso le redini della sua musica come non faceva dagli esordi, co-producendo il nuovo disco insieme a Daniel Knowles e registrandolo nel suo personalissimo studio casalingo di Los Angeles, California. Sul nuovo album Sharon suona chitarra, sintetizzatori, piano, drum-machine, wurlitzer, tastiere e altro, ma è supportata dalla sua classica formazione live composta da Jorge Balbi alla batteria, Devon Hoff al basso e dall'insostituibile Charley Damski ai synth e chitarre. L'uscita di 'We've Been Going About This All Wrong' non sarà anticipata da alcun singolo e i recenti 'Porta' e 'Used To It' non fanno parte della scaletta del disco. Sharon Van Etten commenta: "Volevo affrontare questa pubblicazione in modo diverso, per coinvolgere i miei fan in modo intenzionale, nel tentativo di presentare l'album come un intero corpo di lavoro. Queste dieci canzoni sono progettate per essere ascoltate in ordine, contemporaneamente, in modo che possa essere raccontata una storia molto più ampia di speranza, perdita, desiderio e resilienza."

C'è un piglio di massimalismo rock/cantautorale, con un suono bello pieno, comprensivo di crescendo imponenti, melodie eteree, distorsioni, che rifugge dall'approccio indie folk folk confessionale che sembra aver fatto il suo tempo (Boxata su Rumore maggio, voto 8)

Disco magnifico, forse il migliore, di un'artista che ricorderemo negli anni a venire (Boxata su Blow Up Maggio, voto 8)

 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Giudizio complessivo*
Commenti
    Per favore inserisci il codice di sicurezza.
 
 
Powered by JReviews

Top ten del mese

Nessun risultato trovato