Stampa
PDF
 
Rock Recensioni MICHAEL BUBLÉ - Nobody But Me
 

MICHAEL BUBLÉ - Nobody But Me MICHAEL BUBLÉ - Nobody But Me

MICHAEL BUBLÉ - Nobody But Me

Dettagli

Titolo
Nobody But Me
Anno
Casa discografica

Parlare di Michael Bublé può anche essere stucchevole e sicuramente è ininfluente (tra l’altro due aggettivi che si adattano perfettamente alla sua musica). Ma solo se ci si appropinqua al soggetto come se fosse un artista qualunque. Errore, Michele, che è un intenditore, va studiato come si studia un marchio, un’azienda, una slot-machine, una macchina da soldi insomma. Prendete il suo sito, www.michaelbuble.com: vi accoglie una slide con quattro di quattro faccioni, uno per confermarvi che sì, siete proprio nel suo sito; una con la sua foto attuale e quella di quando aveva 7 anni che, in un “3 D lenticolare” recita il comunicato stampa, unite nella copertina del CD; una con la foto del suo nuovo profumo, By Invitation, fine fragrance for women, presentato il 24 agosto scorso a New York; e l’ultima che vi conduce al suo fan club, dove avreste potuto acquistare per soli 123 dollari e 99 centesimi il Luxury Package e cioè disco autografato, profumo, porta-occhiali e borsa (di pezza) del vostro amato; avreste, se foste stati veloci, perché tutto quel ben di dio è sold-out, terminé, finito; dovete accontentarvi del Glam package a soli 97 dollari (e 99 certo) da cui il crudele ha tolto l’autografo e la borsa (di pezza). Che importanza volete poi che abbia la musica: 10 brani, 35 minuti scarsi di brani originali (dove si fa aiutare da Meghan Trainor e da Black Thought uno dei Roots), standard (“The Very Thought of You”, “My Baby Just Cares for Me”, classici del pop (“God Only Knows”, sì quella di Brian Wilson) e due brani curiosamente usciti nel mercato anglo-sassone a pochi mesi di distanza, ma nel 1961, “My Kind of Girl" e “On a Evening in Rome (Sott'er celo de Roma)”, originariamente cantate da Matt Monro e Dean Martin. Ecco il punto: Bublé vive nel 1961, in pieno boom economico, tra Vacanze Romane e Dolce Vita, in cui in Italia “c'è la luna brilla e strette/ Strette come è tutta bella a passeggiare/Sotto il cielo di Roma” (cit.). E Nessuno, tranne lui, può permettersi di cantare a metà tra Bobby McFerrin e Louis Prima, nella canzone che dà titolo all’album, un manifesto programmatico, anzi, meglio, un piano industriale vero e proprio. Dling dling, due ciliegie e una fragola, un altro gettone please. (Danilo Di Termini)

 

 

opinioni autore

 
MICHAEL BUBLÉ - Nobody But Me 2016-11-13 19:46:55 Danilo Di Termini
Giudizio complessivo 
 
49
Danilo Di Termini Opinione inserita da Danilo Di Termini    13 Novembre, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Giudizio complessivo*
Commenti
    Per favore inserisci il codice di sicurezza.
 
 
Powered by JReviews

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
94
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
4.
Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
5.
Valutazione Autore
 
88
Valutazione Utenti
 
0 (0)
6.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
7.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
8.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
9.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
10.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)