Stampa
PDF
 
Miscellanea Articoli miscellanea La scomparsa di Pete Seeger
 

La scomparsa di Pete Seeger La scomparsa di Pete Seeger

Il menestrello per eccellenza, Pete Seeger, è mancato nella sua New York, a seguito di una breve malattia, all'età di 94 anni. Se ne va, fortunatamente dopo una lunga e fruttuosa esistenza, uno dei più grandi interpreti della folk song, intesa come la canzone che si tramanda a voce, di generazione in generazione; la canzone che si canta in ogni momento del quotidiano, con i pochi mezzi, tecnici e strumentali, che si hanno a diposizione; la canzone che solo per la sua forza comunicativa, etica ed estetica, la sua schietta e viva immediatezza, la sua magica concretezza, diventa, nell'epoca della riproduzione di massa, anche un successo mediatico (pensiamo a "We Shall Overcome", "If I Had A Hammer" o "Turn, Turn, Turn"), senza (per questo) esserne snaturata; la canzone che rinsalda i legami, che crea comunità, che unisce, ricompatta, invece di disperdere e isolare; la canzone che tutti cantano, perché non si tratta di una semplice canzonetta. Una canzone, quella di Pete Seeger, sempre a difesa dei più deboli, degli indifesi, dei diseredati, pronta a rivendicare con coraggio la giusta lotta contro potenti e oppressori di ogni sorta, antimilitarista, egualitaria, ironica, e pacifista. Una canzone che mancherà, ma che per fortuna ha lasciato abbondanti tracce sulla sabbia vaporosa, più che esili fruscii nelle volubili trasparenze del vento, limpide vie di corrente sulle tumultuose ed irrequiete acque, oltre che profondi e indicativi solchi sul terreno. E allora addio Pete, "we shall overcome", tu lo hai già fatto. (Marco Maiocco)

tapepacchetto

L'8 aprile 1977 un allora giovanissimo Fest andò a sentire Pete Seeger al Palasport di Novara. Registrai tutto il concerto su un leggendario K7 portatile, ma, soprattutto, assai intimidito, andai da Pete Seeger a farmi fare un autografo. Non avevo carta, per cui feci firmare a Pete il pacchetto di Nazionali senza filtro, le mitiche "celestine" spaccapolmoni che si fumavano allora in ambiti "controculturali". Costavano, se ben ricordo, 200 lire. Non ho mai aperto il pacchetto firmato! Eccolo, assieme alla cassetta del concerto. Parte di quel concerto (ma non tutto!) è finito su "Pete Seeger in Italia", dischi de Il Manifesto, qualche anno fa.

May you stay forever young, Pete!

(Guido Festinese)

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Giudizio complessivo*
Commenti
    Per favore inserisci il codice di sicurezza.
 
 
Powered by JReviews

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
87
Valutazione Utenti
 
0 (0)
3.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
4.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
5.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
6.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
7.
Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)
8.
Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)
9.
Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)
10.
Valutazione Autore
 
82
Valutazione Utenti
 
0 (0)