Musica italiana

Valutazione Autore
 
86
Valutazione Utenti
 
0 (0)
ARLO BIGAZZI - Sempre Sofia

La buona notizia è che questo cd inaugura la serie economica dell'etichetta toscana, in cd slim. La notizia ottima, invece, è che il cd è splendido, e potrebbe catturare attenzione e preferenze di diverse fasce di pubblico. Tutti coloro che si sentono già orfani dei Pink Floyd, ora che un disco ha messo la parola fine. Chi ha avuto conforto da certa ambient music meno “decorativa”, chi ascolta post rock, di quello sporto sul bordo estremo, chi ha amato o ama ancora Bill Laswell e i Crimson. Per tutti costoro Bigazzi esce con questa colonna sonora da uno spettacolo multimediale con Caterina Meniconi,dedicato alla pazzia, con il suo basso puro o manipolato, chitarre, campionamenti, voci: il tutto immerso in a strana e avvincente atmosfera che sa essere onirica e molto concreta allo stesso tempo. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
FRANCESCO DE GREGORI - Vivavoce

De Gregori rivede, reinterpreta, e in modo singolarmente cantabile (rispetto al suo solito), e quindi estremamente piacevole (ma senza nessun "ammiccamento" o quasi), una serie di suoi piccoli o grandi capolavori: un ascolto che consigliamo. Dice il "romanaccio" che voleva farsi un regalo e soprattutto ridare vita (in questo presente e per questo difficile presente) alle sue note e alle sue parole, soprattutto a beneficio dei più giovani, che oggi ascoltano le sue canzoni, magari su suggerimento dei genitori, ma (appunto) considerandole di ieri o "storie di ieri". In questo paese in affondamento rapido, sempre più "Titanic" in mezzo a marosi oceanici (o politico economici) incontrollabili (altro che iceberg!), o semplicemente in piena autodistruzione (e in effetti propendiamo per questa seconda ipotesi), riascoltare "Viva L'Italia" e "La Storia", in versioni splendide (per altro), forse le più belle di sempre, o comunque di molto "rinfrescate", può essere d'aiuto. Un "esercizio" corroborante, che potrebbe indurre a non lasciarsi andare al generale si salvi chi può. Ci limitiamo a dire solo questo, senza aggiungere altro, restando poi da capire come sia possibile che il signor Ligabue abbia potuto permettersi di cantare "Alice", forse l'unico vero neo dell'intera operazione. (Marco Maiocco)

Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
LIGURIANI - Stundai

Un tipo “stundaio”, in genovese, è uno un po' bizzarro, imprevedibile, spesso tutt'altro che privo di ingegno, ma che bisogna saper prendere. I Liguriani scelgono proprio quell'aggettivo per definirsi, e ci sta tutto: in fin dei conti, a rovesciare un assunto spesso considerato incontrovertibile, il “folk ligure” della band è tutt'altro che vacua ripetizione di un formulario tradizionale. E perfino l'assetto strumentale, magnificamente assestato sui flauti di Michel Balatti, voce violino e percussioni di Fabio Viale, la chitarra di Claudio De Angeli, organetto e mandolino di Filippo Gambetta, le cornamuse di Fabio Rinaudo, è un insieme di timbri funzionale, ma parecchio azzardato. Sta di fatto che i Nostri “stundai” al secondo disco, e dopo aver macinato qualche migliaio di chilometri in tour in giro per l'Europa, tornano con un lavoro filante e sontuoso, tanto semplice e coinvolgente all'ascolto(tante, tante danze gioiose) quanto meditato, nell'equilibrio perfetto tra “tradizione” e “composizione”. E ben suonato, soprattutto. Ospite Stefano Valla, il pifferaio magico delle Quattro Province. Altro gran “stundaio”. (Guido Festinese)

 

 

 

Valutazione Autore
 
79
Valutazione Utenti
 
0 (0)
TRE MARTELLI & GIANNI COSCIA – Ansema

Una collaborazione tra concittadini quanto mai benvenuta questa tra il fisarmonicista jazz Gianni Coscia e il gruppo di folk tradizionale Tre Martelli; sia Coscia che il gruppo sono infatti di Alessandria, e da molti anni calcano le scene, visto che per i Martelli si parla di trentasette anni d’attività, mentre per l’ottantatreenne fisarmonicista la tardiva carriera professionale viaggia verso il trentennale. Il disco, in gran parte registrato dal vivo, consta perlopiù di rifacimenti di brani consolidati del repertorio del gruppo, con un paio di brani nati per questa collaborazione. L’inserimento della ‘fisa’  nel collaudato e rodato ensemble  tradizionale funziona egregiamente, come si è potuto constatare  anche nell’esibizione di Castelceriolo (AL) dell’8 novembre scorso, nello storico cinema teatro Macallè, vero e proprio faro nella nebbie dell’alessandrino. I fraseggi jazz, le antiche melodie e gli strumenti tradizionali si sono amalgamati perfettamente, grazie soprattutto al lavoro del violinista Andrea Sibilio cui si devono gli arrangiamenti e all’esperienza dei musicisti e le voci.  Solo un appunto per la copertina, un po’ povera, ma qui, da piemontesi, si bada più al contenuto che alla forma. (Fausto Meirana)

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
PAOLO BENVEGNÙ - Earth Hotel

EARTH HOTEL è il nuovo disco di Paolo Benvegnù per Woodworm Records. Arriva a tre anni  di distanza dalla pubblicazione del precedente “Hermann”. Dodici brani in cui l’arte, la  poetica di Benvegnù esplorano l’amore, da diversi punti di vista. All’interno dell’Earth Hotel,  luogo a cui tutti apparteniamo ed in cui tutti abitiamo, trova posto l’amore in ogni sua  declinazione, i luoghi dove esso si espande e si consuma, i viaggi che ne acuiscono la  distanza o la riducono, i tempi brevi o lunghissimi che ne scandiscono i ritmi.  Un inno fortissimo alla vita, urlato a gola piena. Una riflessione profonda e ammaliante,  senza  sconti, lucida ed appassionata, carica di amore,  necessità irrinunciabile che l’artista  persegue con l’ostinazione di un capitano che, senza bussola, affida alla propria intuizione e  alle stelle la sua rotta.     EARTH HOTEL secondo PAOLO BENVEGNU’ :     Earth hotel parla di amore nelle stanze.   Ovunque.   Di alberghi, di case, di transatlantici, di treni, di aeroplani ed automobili.   Nello stesso istante.   Che sia martedì o il giorno di un compleanno oppure l’anniversario della prima repubblica.   Di ogni tipo di Amore.   Quello di ogni tempo.   Quello impastato di bene e male.   Quello conscio e quello sbadato.   Dodici mirabili miniature.   Dall’alba al tramonto.   Elettrico e notturno.   Grida al cielo e sussurrii nell’ombra.   Alle madri.   Ai Figli.   A quell’eterno miracolo di vita che ci consuma

CD in vendita da Disco Club a partire da mercoledì 12 novembre al prezzo di 14,90 €

vedi sotto video

 

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
DIN DÙN - Majin

Non fatevi "ingannare" dalla copertina (per così dire) montanara di questo lavoro, che, data la provenienza di un paio dei componenti il Din Dùn Trio, potrebbe richiamare immediatamente gli elevati e antichi pascoli che incoronano e imperlano le sommità delle "nostre" misteriose valli occitane, o anche (forse più propriamente) l'estesa pianura piemontese, che d'inverno raccoglie e accoglie le mandrie che l'alta montagna per forza di cose respinge. Qui non siamo di fronte a un semplice disco di matrice folklorica o popolare (del resto non ci sarebbe niente di male, ovviamente), e nemmeno siamo alla prese con una delle tante e possibili, spesso entusiasmanti, mediazioni popular del ricco e profondo bagaglio della tradizione. Il piemontese Din Dùn trio ripropone (certo) materiale tratto dal vasto repertorio popolare del Piemonte, estrapolato dalle storiche ricerche etnomusicologiche di studiosi seri come Costantino Nigra, Leone Sinigaglia e Giuseppe Ferraro, ma in una chiave decisamente innovativa, inusuale se non altro, contemporanea, sperimentale, a tratti davvero geniale, colta, intrisa del fuoco sacro della ricerca. Angelo Conto (pianoforte), Alessandra Patrucco (voce) e il catalano Marc Egea (ghironda e flauti) si muovono come funamboli e con tutta la positiva tensione che questo comporta, pur esprimendosi con leggerezza, su un'aerea e impervia cresta sospesa tra l'accademia, anche quella più libera e "irriverente", la narrazione e la formulaicità popolare, e lo scavo jazzistico, quello dedito soprattutto alla ricerca di un risultato sonoro, di un puro e personale suono (progressivamente disvelato, demiurgicamente controllato), e al tuffo abbandonato e vorticoso in un'improvvisazione imprevedibile e radicale (anche se in questo senso si sarebbe potuto osare di più). Tutta questa ricchezza culturale ed espressiva, questa complessità e consapevolezza linguistica, vengono restituite con grande immediatezza, attraverso una musica suggestiva, emozionante, elegante, molto piacevole, anche rilassante, che in nessun momento, e senza indulgere nella condiscendenza, perde di vista l'umanità, l'autenticità, la tenerezza e la melodia del canto popolare, da cui (in questo caso) scaturisce. Straordinaria la voce di Alessandra Patrucco, flautata, morbida, malleabile, evocativa, drammatica, dall'ampio registro estetico; sorprendente l'uso della ghironda da parte di Marc Egea, capace di prodursi in complicati soli (come suonasse una viola o un qualche strumento etnico a corda) su uno strumento "diabolico", solitamente ingestibile, poco intonabile, e in genere "semplicemente" adatto a produrre una sorta di magico, riverberante, "basso continuo", o forse (nel caso della ghironda) sarebbe meglio dire bordone armonico; sapiente la conduzione al pianoforte di Angelo Conto, musicista raffinato, dalle ampie vedute, in profondo equilibrio fra più linguaggi, sulla cui guida esperta si poggia l'intero progetto. Coraggiosi. (Marco Maiocco)

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
3.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
4.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
5.
Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)
6.
Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
7.
Valutazione Autore
 
79
Valutazione Utenti
 
0 (0)
8.
Valutazione Autore
 
75
Valutazione Utenti
 
0 (0)
9.
Valutazione Autore
 
75
Valutazione Utenti
 
0 (0)
10.
Valutazione Autore
 
73
Valutazione Utenti
 
0 (0)