Musica italiana

Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)
LUCA OLIVIERI - La saggezza delle nuvole

Capita abbastanza di frequente, per fortuna, che certi dischi proprio non ne vogliano sapere di lasciarsi addomesticare nel pacioso recinto delle definizioni, per quanto vi sforziate di cercarne. Ad esempio questa eccellente autoproduzione di Luca Olivieri (www.lucaolivieri.eu), compositore e pianista, terza sortita discografica a suo nome, potrebbe tranquillamente abitare ipotetici scaffali ambient, art rock, avant jazz, jazz, e altre due o tre definizioni a scelta. E piacere, molto, a tutti. Si tratta di nove brani strumentali, in genere dal passo lungo ed assai avvolgente,  e due poesie inedite con un parterre di ospiti a impressionante, e necessario. Al centro le tastiere del titolare, accanto citeremo tra gli altri Caroline Lavelle, violoncellista già con Radiohead e  Massive attack, Saro Cosentino (pregiata ditta Battiato), Andrea Chimenti che fu voce dei Moda, Giorgio Li Calzi, avventuroso trombettista dal timbro “davisiano”, il sassofonista Nicola Alesini, molto vicino all'estetica di Olivieri. Atmosfere oniriche ed assai “narrative”, che spesso danno l'impressione di essere colonne sonore per film immaginari. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
82
Valutazione Utenti
 
0 (0)
LA BANDA DI PIAZZA CARICAMENTO - Il Sesto Continente

C' è bisogno di un disco come questo, nel momento in cui sembrano rinserrarsi i ranghi dell'opportunismo dell'esclusione, che significa poi nascondere i veri problemi sotto il tappeto, come la polvere, e trovare facile bersaglio in chi è più debole, capitalizzandone voti e rendite di posizione. La Banda multietnica diretta da Davide Ferrari è al terzo disco, cd cresciuto sulle canzoni che già facevano parte dello spettacolo teatrale “Voglio tornare a casa”. L'equilibrio di suono s'è fatto meno pressantemente ritmico e più onirico, grazie anche alla voce sublime di Lorraine McCauley e di Parveen Dsabrina Khan, Irlanda e India a braccetto, con stile: l'uno-due di Final Call e Bird Song va a piazzarsi di diritto tra le cose più struggenti ascoltate negli ultimi anni. Senza dimenticare Antonella Ruggiero, ospite nella splendida Ninna Nanna per Yanuska. Ma c'è anche la carica e il ritmo, sia chiaro: in una versione indefinibile e coraggiosa di Rock the Casbah (!), nel gioioso omaggio finale El Pepe: che sarebbe poi il “presidente dei poveri” uruguaiano José Mujica: chi ha detto che gli eroi debbano essere sempre giovani, belli e morti? Preferiamo l’anziano ex tupamaro da mille euro al mese come Presidente. Vivo e attivo per gli altri. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
84 (2)
Valutazione Utenti
 
0 (0)
SNAKE OIL LTD – Back From Tijuana

Questo sì che è un live come si deve! Nel senso che si sente bene e fa star bene proprio come se si fosse davvero presenti al concerto "by the sea". Gli Snake Oil Ltd infilano una fulminante sequenza di brani con una specifica caratteristica: tutti avrebbero potuto diventare grandi classici e invece sono rimasti confinati alla dimensione del pezzo da culto. Si tratta di canzoni tirate, grintose e riproposte in versioni cariche di voodoo. Non è il voodoo caleidoscopico di Dr. John o quello tribale di Exuma, ma una sua versione più asciutta e compatta, forse perché lambita da un rassicurante Mar Ligure estivo e non dalle sinistre paludi della Lousiana. In ogni caso il risultato riporta alla mente il miglior Tav Falco e l'Alex Chilton solista, mentre il cantante/frontman Dario Gaggero non sfigura nemmeno quando deve confrontarsi con Fats Domino. I cattivi direbbero che il fisico lo aiuta... (Antonio Vivaldi)

Valutazione Autore
 
87
Valutazione Utenti
 
0 (0)
GANG - Sangue e Cenere

Si potrebbe metterla così, direttamente: un quarto di secolo dopo Le radici e le ali, capolavoro del folk rock italiano apripista per una seconda generazione di combat rockers, Gang ne ha scritto il seguito diretto, alzando più in alto l'asticella della sfida. Nulla rinnegando, tutto rammentando. Della propria storia, del reticolo di storie rintracciate, sviscerate fino in fondo. Perché, come dice Sandro Severini, non è vero che “La storia siamo noi. La Storia con l'iniziale maiuscola la scrivono i vincitori”, nelle cui fila sono pronti a saltare tutti gli opportunisti del caso. Noi siano “le” storie, quelle che non finiscono nei libri di storia ufficiali, quelle di una rete di resistenze, di piccole memorie condivise che tutte assieme ne fanno una grande.

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
CISCO - Matrimoni e Funerali

Un concept sulla vita? Definizione che potrebbe ingabbiare il nostro Cisco, semplicemente un lavoro tanto lucido quanto dissacrante su quello che incontriamo, tocchiamo e conosciamo durante la nostra esistenza, un album che viaggia più veloce di un auto senza freni, lontano dai soliti slogan, con testi che presentano una rinnovata capacità di scrittura da parte di Cisco, divertito a tirare il sasso senza nascondere la mano. Molti i guest: Pierpaolo Capovilla, Massimo Zamboni, Angela Baraldi, Le Mondine di Novi e il Piotta che duettano con la corposa voce del cantautore. Un album scritto insieme all’amico ex-Ramblers, Giovanni Rubbiani e al sempreverde Kaba Arcangelo Cavazzuti, che lo vede anche impegnato nella produzione artistica del disco.

CD in vendita da Disco Club a partire da martedì 3 marzo 2015 al prezzo di 14,90€
Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)
DUO BOTTASSO - Crescendo

C'è anche la voce imperiale e ieratica di Elena Ledda, gran signora delle note mediterranee a nobilitare la splendida musica del Duo Bottasso, forse la più significativa novità ascoltata in ambito world music e dintorni in Italia nell'ultimo paio d'anni. Simone Bottasso suona organetto diatonico, flauto, sax baritono, e maneggia bene l'elettronica, Nicolò Bottasso suona perlopiù il violino, ma all'occasione sa disimpegnarsi bene anche a tromba e contralto. Oltre a Ledda, ci trovate anche il liuto cantabile di Mauro Palmas, e tanti altri scrigni sonori. Se il dato di partenza dei due fratelli del cuneese sono le note di tradizione piemontesi ed occitane in particolare, gli esiti qui si avvicinano al più intelligente e delicato “folklore immaginario” ascoltato nella Penisola: da Riccardo Tesi agli Avarta, per intendersi. E il futuro, evidentemente, promette altre sorprese, ed è in buone mani. (Guido Festinese)

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
87
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
3.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
4.
Valutazione Autore
 
82
Valutazione Utenti
 
0 (0)