Musica italiana

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
ImageLa vicenda artistica di Enrico Ruggeri parte proprio dal punk. O per lo meno da un’ipotesi di punk nostrano. Esordisce con i Decibel e le chitarre distorte, poi, col tempo, passa da Sanremo (lo vince) virando dapprima verso il rock e poi verso i suoni acustici. Per la strada scrive canzoni splendide (“Quello che le donne non dicono”, “Contessa”) e meno belle, ma continua, forte anche di una voce estremamente personale, a raccontare le sue storie.
Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

ImageDoppio CD dal vivo per Daniele Silvestri; ventisei canzoni che odorano di strade percorse e sognate a raccontare il viaggio di una delle voci più eclettiche e libere del panorama nazionale. Come spesso capita con i dischi dal vivo, “Livre Transito” restituisce in più di un passaggio la tensione emotiva e l’affetto che lega il musicista ed il suo pubblico.

Valutazione Autore
 
0
Valutazione Utenti
 
90 (1)

ImageSe l’Italia spesso vive di luce riflessa, musicalmente, da palcoscenici distanti, splendida eccezione è una certa generazione di cantautori a cavallo tra anni ‘60 e ‘70. Anch’essi ispirati da suoni d’altrove, ma capaci di renderli definitivamente personali. Dalla, De Andrè, Conte, De Gregori… e Guccini, che oggi ritorna con “Ritratti”; ennesima sfilata di accordi, ricordi e racconti per la sua voce unica.

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

ImageAndhira è vocabolo sardo dal sapore ancestrale che indica l’ineluttabile destino verso una vita errante, una sorta di nomadismo imposto dalle circostanze che, in breve, diventa una condizione dello spirito. Il gruppo di giovani musicisti sardi autori di Sotto Il Vento e le Vele, ha assunto questo nome ad emblema del loro interessante percorso artistico, in bilico tra la ricca tradizione musicale sarda e altre contaminazioni sonore.

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

ImageNel rock combattente della Gang è sempre stato percepibile un elemento folk. Elemento che diviene, o dovrebbe diventare, prioritario in questo album inciso insieme alla Macina, storica formazione di musica tradizionale che con i fratelli Severini condivide provenienza (le Marche) e passione politica. “Nel tempo e oltre, cantando” riprende e rielabora brani tratti dal repertorio di entrambi i gruppi trovando una chiave di lettura piacevole ma non sempre elaborata a dovere.

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
ImageDate al rock ciò che è del rock, in primo luogo la giovinezza: la storia dei Verdena è quella della riappropriazione di un linguaggio naturalmente fresco e immediato da parte di chi ha poco più di vent’anni. In un paese affetto da geriatria generica, in ogni ambito, il segnale è ottimo.

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
82
Valutazione Utenti
 
0 (0)