Musica italiana

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
ImageQuel Lungo Treno non è solo un album di notevole valore artistico; è l’appassionato omaggio di Massimo Bubola alla memoria dei suoi avi. Attraverso canzoni  tradizionali e intense ballate di sua composizione, il musicista veronese narra vicende umane irrimediabilmente sconvolte dalla guerra, e in particolare rievoca gli orrori e le sofferenze del primo conflitto mondiale, ormai caduto in un impenetrabile oblio. 
Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
ImageIl disco parte sbilenco con “Non siamo mai stati sulla luna”, arrangiata fra Mercury Rev e Francesco Renga, migliora molto a metà cammino e si sfuoca nel finale. I  Mercanti di Liquore avevano iniziato la loro carriera come cover band di Fabrizio De André (anche il nome è una citazione da “Il suonatore Jones”), salvo emanciparsi a poco a poco dall’ingombrante ombra del maestro, qui percepibile solo in “Senza titolo”.
Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
ImageCosa c’è sotto la maschera fatta di barba-occhiali neri-cappellino? Un’altra maschera uguale a quella, poi un’altra e un’altra ancora. Inutile cercare oltre; il “vero” Francesco De Gregori sta proprio in una stratificazione di sé perseguita lungo una carriera più che trentennale (unico parziale sussulto l’album con Giovanna Marini).
Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
ImagePer essere italiani sono italiani, i Franklin Delano, ma con questo splendido album cancellano dalle cartine geografiche ogni confine di suono. “Like A Smoking…” infatti riesce a centrare in pieno l’alchimia magica di avanguardia e tradizione che caratterizza il miglior “nuovo folk” statunitense.
Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
ImageSesto album per i Marlene Kuntz che confermano di voler seguire la strada già intrapresa con “Senza Peso”. “Bianco Sporco” è lontano dalla rabbia urlata di “Catartica” e “Il Vile”, ma anche dalle scelte di “Che Cosa Vedi”, che sembravano aver avvicinato i nostri al circuito alternative italiano (si sprecavano paragoni con Afterhours e Verdena…).
Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
ImageE’ il vincitore morale dell’ultimo Festival di Sanremo. Quello che ha azzeccato la canzoncina da canticchiare sulla strada verso l’ufficio. Quello che se solo fosse stato in gara. Forte del lancio pubblicitario, propiziato da Bonolis, della sua “I bambini fanno ooh..”, Povia sforna il suo primo album.

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
87
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)