Musica italiana

Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
FEDERICO SIRIANNI - Il Santo

Il Santo è solo il quarto disco ufficiale di Federico Sirianni (anche se in realtà dovremmo contarne altri due: il ‘Dio dei baraccati’ in edizione limitata del 2013 e il cd allegato al libro/confessione ‘L’uomo equilibrista’ di due anni fa) ed è un disco maturo, completo anche se forse meno ironico e sereno dei precedenti, d’altronde i tempi sono questi...La scarsità di uscite  discografiche non fa che evidenziare l’intensità delle composizioni di Sirianni e, comunque,  gli anni che passano tra un disco e l’altro fanno lo stesso lavoro indispensabile del silenzio tra un nota e l’altra, con tempi ‘tecnici’ che sono da sempre occupati da una  serie di concerti che comincia ad assomigliare ad un vero e proprio ‘never ending tour’ in piccola scala.

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
CHIARA JERÌ E ANDREA BARSALI – Mezzanota

Nel 2009, con il toccante e splendido brano intitolato Notturno dalle parole scomposte, la livornese Chiara Jerì vinse il concorso 'Un notturno per Faber', organizzato dalla Fondazione De André. Quel pezzo si può ora riascoltare nella versione rimasterizzata di Mezzanota (fantastico gioco di parole) della vocalist toscana e del chitarrista Andrea Barsali, pubblicato inizialmente nel 2012. Si tratta di nove eccellenti composizioni, di grande intensità, che il duo offre all'ascoltatore più attento. Chiara e Andrea si muovono tra cantautorato acustico e folk mediterraneo, lei con una voce nera, che viene dal r 'n' b e dal soul, lui con arpeggi chitarristici lunari eppure incisivi: canzoni magnifiche, delicate e sofferte, di grande poesia, sognanti ed evocative, pregne di atmosfera e suggestioni. Molto bella anche la reinterpretazione de La donna cannone di De Gregori. Della Jeri segnalo, altresì, Mobile identità (Multimedia Pr.), altro gioiello che la vede alle prese, tra le varie tracce, con il tradizionale Maremma amara, con Ed io tra di voi (da Aznavour), Amara terra mia di Modugno e in particolare Moon River di Henry Mancini (resa immortale da Colazione da Tiffany). Mobile identità è un altro disco raffinatissimo e 'sentito', realizzato con uno stuolo di ottimi musicisti, tra i quali Alessandro Corvaglia (Maschera di Cera, Real Dream), anche autore di Dimmi dove sei. Chiara parla al cuore, e va ascoltata. (Davide Arecco)

Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
 LELLO VOCE /FRANK NEMOLA - Il fiore inverso

Il Fiore inverso, secondo il poeta trovatore del dodicesimo secolo Raimbaut d'Aurenga, è la poesia: che cresce al contrario, con le radici in cielo, perché deve scardinare l'ordine ovvio delle cose, mettendo in circolo nuova energia. La metafora dà titolo al cd ed al libro che lo contiene, dove troverete anche i disegni di Claudio Calia, uno dei più innovativi fumettisti italiani, ed un saggio di Lello voce stesso (considerato da Nanni Balestrini il miglior poeta d'oggi in Italia) a proposito della spoken music, la poesia che per farsi tale deve saper recuperare quell'unione alchemica con la musica che aveva alle origini. I versi scanditi e ritmici di Lello voce non sono per nulla accomodanti, sia chiaro. Sono sferzanti e intelligenti, lampeggiano cesure e sbigottimenti, non arcadie consolatorie. Sotto, attorno, assieme, c'è la polpa elettronica delle tastiere di Frank Nemola, la tromba come sempre fatata di Paolo Fresu, il violoncello barocco di Eva Sola, la viola di Luca Sanzò, il violoncello di Irene Pardi, l'inserto rap duro e crudo di Kenzo. Ed anche la chitarra elettrica di Dario Comuzzi, la fisarmonica di Simone Zanchini. Un antico futuro poetico. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
LA MACINA - Nel vivo di una lunga storia

A volte un titolo è importante non solo perché identifica una cronologia, un prima e dopo quel disco stesso, ma perché veicola una serie di informazioni che potrebbero restare sullo sfondo. Il nuovo disco della gloriosa Macina di Gastone Pietrucci, un disco confezionato in veste di piccolo libro nel quale troverete saggi sul gruppo tanto ponderosi quanto interessanti, ha per titolo “Nel vivo di una lunga storia”. Ci informa così che gli anni di attività senza mai una piega di cedimento sono molti, da quando il grande studioso ricercatore e vocalist decise che non poteva morire un patrimonio di canti, ballate epiche, filastrocche, invettive, saltarelli: siamo nel quinto decennio. E ci dice anche che “nel vivo” vuol dire che qui non si tratta di operazione museale, ma la lama della conoscenza e dell'emozione incide carne viva della musica, del nostro presente smemorato. Per cui, in questa palpitante registrazione dal vivo che può rammentare, mutatis mutandis, certe intensità dei Pogues o dei Fairport Convention più febbricitanti, troverete un combat folk in diramazione marchigiana che, alternativamente, invita alla danza sfrenata o all'ascolto più raccolto. E la voce di Pietrucci è oggi una scheggia di selce: antica, ma tagliente come non mai. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)

Ha volte il futuro ha parvenze antiche, quasi remote. E quando ce ne accorgiamo scatta il  piccolo miracolo dell’emozione, che è poi quanto homo sapiens fa dagli inizi: imparare dalle storie emozionandosi. Nando Brusco è un giovane cantastorie calabrese che, dopo aver approfondito la pratica della chitarra, dell’organetto, della zampogna, alla fine ha scelto di cantare e recitare i suoi brani palpitanti di memoria orale accompagnandosi solo con il tamburo a cornice. Che diventa di volta in volta il rumore della folla, il crepitare di una salva di fucileria, il battito cardiaco,  il frusciare degli animali ai lati di un sentiero. E’ una via difficile, che forse ha avuto il suo prodromo storico con Alfio Antico, in Sicilia, ma che non conoscevamo in questa forma nella vicina Calabria. La voce è potente e duttile, l’effetto complessivo di impressionante drammaticità, sia che Brusco racconti la storia dimenticata di una strage di contadini nel’ 49, che avevano avuto il torto di occupare terre di latifondo per coltivarle, sia quando il battito del tamburo accompagna filastrocche ataviche. Un tassello di memoria preziosa, insomma. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)

Un disco ammaliante, che come un prisma rivela rifrazioni di luce e ombre diverse a seconda di come lo spostate, a seconda di come lo guardate. Qui ci sono undici tasselli preziosi come filigrane, partenza con il titolo che dà nome al cd (e ai liguri già dovrebbe dire qualcosa), approdo a un brano che si chiama Fontanigorda, e ribadisce la chiusura del cerchio della “via del sale”. Questo è il settimo disco per Gazich,  il più bello che ha scritto ad oggi, ma anche il più complesso, tant'è che, per limitarsi alla parte musicale, troverete un viluppo quasi inestricabile di strumenti remoti, antichi e moderni, popolari e “colti”, per un a sorta di “folk rock” mediterraneo e mitteleuropeo atavico e futuristico assieme che richiede ascolti attenti e senza fretta. In mezzo si dispiega un mondo, inquietante e riconoscibile al tempo stesso: perché le “vie del sale” di oggi, racconta con prosa altissima Gazich, non sono più comunicazione ed interazione di uomini, ma soliloqui autistici  in una terra che ha perso l'anima e non sa più guardarsi in uno specchio che non sia quello di Narciso e delle inutili merci sovrabbondanti. Ascoltate questo signore che, a ragione, si definisce “un ebreo errante”: ha nella faretra le stesse frecce d'intelligenza quasi mistica che in altri tempi ha scoccato Battiato. (Guido Festinese)

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
82
Valutazione Utenti
 
0 (0)