Musica italiana

Valutazione Autore
 
82
Valutazione Utenti
 
0 (0)
ANDREA MORA - Essenzialmente Mora

Le canzoni necessarie da scrivere in proprio, quelle da ricordare degli amici di sempre, anche se lontani o partiti per un viaggio in posti davvero troppo lontani, come Umberto Bindi. Eccolo qui, Andrea Mora. Che un giorno, dopo tanta gavetta e un paio di buoni dischi, ha deciso di fare “punto e a capo”. Un cantante-autore o, meglio, “il” crooner genovese, uno che ha scoperto che meglio dell'elastico telaio ritmico-melodico del jazz, per cantare le proprie canzoni, senza vocalizzi o stentoree affermazioni di prodezza vocale, non c'è proprio nulla. E detto da uno che gli strumenti li maneggia piuttosto bene. Ad esempio la fisarmonica, il pianoforte, la chitarra. Ma devi avere attorno gente come Gianluca Tagliazucchi al pianoforte, Rudy Cervetto alla batteria, Dino Cerruti al contrabbasso. Eccellenze jazz liguri. Storie salmastre, a volte venate da un filo di malinconia, infiltrate di maccaja, a volte rinfrescate dal Maestrale freddo della vita: quello che ti aspetteresti da un ex “garaventino” fiero di esserlo stato, quando c’era Don Gallo il cappellano a far rigare dritto i ragazzi, con una parola dura, e una carezza. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)
CARLO AONZO TRIO - A Mandolin Journey

Si parte con una trascinante suite di polke, il ballo binario che gli immigrati tedeschi portarono nel Midwest degli Stati Uniti, tutt'ora conosciuto come “polka belt”, la cintura americana della polka. E poi, a seguire, e con effetto di accumulo pirotecnico di note spurie da pentagrammi diversi che più diversi non potrebbero essere, un'aria di Puccini  che già aveva trovato posto su un disco con Beppe Gambetta ( “O mio babbino caro”), una suite di swing italiano, una mazurka, una suite latina con posto d'onore per Jacob do Bandolim, Bongusto e Carosone, David Grisman e Antonio Vivaldi. Tutto, e tutto assieme, purché legato dalla maestria del saper metter mano su quelle quattro corde doppie. Carlo Aonzo qui dialoga con musicisti di spessore e gusto come Lorenzo Piccone alla chitarra e Luciano Puppo al contrabbasso. Un secolo e più fa questa sarebbe stata musica da salone di barberia e da emigranti, in attesa di diventare altro. Oggi è un presagio e una conferma di (buona) globalizzazione, un po' come succede con le note degli amici della Red Wine, e Aonzo può rispondere con i fatti a chi ancora lascia andare un sorriso beota e supponente se sente parlare di mandolino. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
ZIRKUS DER ZEIT – A Shape In The Void

Questo A Shape in the Void degli italiani Zirkus der Zeit è, diciamolo subito, un disco fantastico, Di Genova, il gruppo si muove in territori artistico-musicali dai confini mobili, destreggiandosi e con molta abilità tra prog industriale, elettronica minimale ed ambient atmosferico. Negli undici brani di questo lavoro – contraddistinto da una grafica sobria, ma assai suggestiva, futuristica e esoterica nel medesimo tempo – il paesaggio sonoro è costantemente cinematico, le trame in apparenza oscure e criptiche si aprono all'inflessione melodica, sorrette da una ricerca timbrica di valore e qualità. Pare, a tratti, di ascoltare una moderna rilettura dell'eredità kraut rock, ripresa e trasportata in questo terzo millennio. Si provi ad immaginare, per quanto possa magari apparire inappropriato, un matrimonio fra Tangerine Dream, Unreal City e Section 37. In altri frangenti può venire in mente la new wave sintetica (e colta) dei primi Tuxedomoon. Ma sono solamente vaghi riferimenti, ché l'approccio dei Zirkus der Zeit è assolutamente personale e creativo. Colpisce, in loro, lo spessore e l'alto grado di evocatività. Eccellente, poi, l'interplay di tastiere e voce femminile. Una band già grande, da seguire e valorizzare appieno. (Davide Arecco)

Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)
IL MURO DEL CANTO - Fiore de Niente

Avete presente come iniziavano gli stornelli di una volta, quelli che forse i più giovani hanno ascoltato dai nonni, o sentito sfiorare, nei film,  dalle voci di attori che non ci sono più: “fior di....” iniziava lo stornello, e a ogni giro indicato seguiva descrizione in rima di qualcuno o qualcosa, con sapida capacità di tratteggiare una situazione, un sogno, un volto di persona amata. Fiore de niente, ammetterete, è un bel cazzotto nella pancia. Potrebbe averlo scritto Zero Calcare, lo hanno scritto invece gli amici suoi del Muro del Canto, uno dei gruppi più duri e puri della (ri)scoperta del folk di Roma e dintorni, in chiave folk combat rock. Fiore de niente è il terzo disco, e non fa sconti a nessuno. Ha lo stesso tipo di intransigenza, prendere o lasciare, di Sangue e Cenere dei Gang. Sono staffilate feroci sulla Roma baciapile e papalina, sui troppi ragazzi morti dopo essere finiti tra le mani di altra gente giovane che aveva una divisa indosso, e quindi si sentiva in diritto di decidere della vita degli altri, sulla necessità di tenere occhi e orecchie aperti  (Se i lupi verranno a bottega). Chitarre a mille all'ora, fisarmoniche a condire e speziare il tutto, la voce bassa e amara di Daniele Cioccia. A Roma, alla prima, c'erano quasi duemila persone. A Genova per ora  neppure una data. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
GIORGIO CANALI & ROSSOFUOCO - Perle per porci

Il progetto è un'idea di lunga data di Giorgio Canali. Nel corso degli ormai tanti anni passati a cercare di vivere di musica, si è di tanto in tanto imbattuto in realtà musicali che avrebbero meritato una ribalta che non hanno mai avuto e in canzoni altrui che suscitavano in lui una qualche invidia, ma che all'epoca si presentavano ad audience distratte (perle regalate ai porci appunto)... canzoni che – come lui stesso dichiara ‐ avrebbe voluto aver scritto. In principio è nato il titolo, poi piano piano le canzoni si sono accumulate, qualcuna sconosciutissima, qualcuna più famosa. A metà dell'autunno Giorgio Canali si è chiuso con Rossofuoco in uno studio sulle colline a sud di Bologna e in pochi giorni hanno fatto loro queste perle. "Perle per porci" contiene 13 brani rari, sconosciuti, riarrangiati e presentati sotto una nuova luce. 12 tappe di una specie di antologia del piccolo mondo musicale italofono di Canali & Co." In uscita giovedì 17 marzo.

Valutazione Autore
 
82
Valutazione Utenti
 
0 (0)
FABRIZIO POGGI - Il soffio della libertà

Il “soffio della libertà” è quello della swingante armonica a bocca di Fabrizio Poggi, ed il tutto si chiarisce meglio soffermandosi sul sottotitolo: “il blues e i diritti civili”. Questo è un magnifico, intenso, a tratti commovente viaggio in tredici stazioni musicali a caccia delle note che hanno scandito la sanguinosa lotta dei neri afroamericani per conquistare i diritti civili, a poco più di mezzo secolo da quando il Reverendo Martin Luther King scandì quelle parole di fuoco: “Ho fatto un sogno”. Non solo blues comunque, qui, ma anche ovvie anche se non scontate venature spiritual e gospel: come nella spettacolare Amazing Grace, che Poggi è andato a suonare sulla tomba del Reverendo. Poggi ha riunito qui un parterre di ospiti in blues quasi leggendario: Blind Boys Of Alabama, Charlie Musselwhite, Garth Hudson della Band, Guy Davis, Eric Bibb, Augie Meyers, Ponty Bone, e via citando. Uno sforzo da premiare. E da ascoltare e riascoltare. (Guido Festinese)

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
93
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
92
Valutazione Utenti
 
0 (0)
4.
Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
5.
Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
6.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
7.
Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)
8.
Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)
9.
Valutazione Autore
 
82
Valutazione Utenti
 
0 (0)
10.
Valutazione Autore
 
82
Valutazione Utenti
 
0 (0)