Stampa
 
 

PIVIO - Mute PIVIO - Mute

PIVIO - Mute

Dettagli

Artista
Titolo
Mute
Anno
Casa discografica

Quarant’anni, fa il 1979. Quando morva Demetrio Stratos.  A Genova erano tempi amari, un risveglio crudo dagli anni dei movimenti che portava una dote acida come i fumetti e le figure di Andrea Pazienza: l’eroina che tramutava in incubi narcolettici le frenesie vitalistiche precedenti, l’avvio verso gli anni del riflusso. La musica fece, come di consueto, da termometro e sismografo sensibile di quegli anni: la spallata del punk a sfogare una voglia di rompere le nuove gabbie senza più il confronto degli ideali, la dark wave e il synth pop che testimoniavano un disagio colorato di scie livide. Nel ’79 Pivio fonda con Marco odino gli Scortilla, indimenticabile band sempre pronta a tirare graffi cattivi e intelligenti sui pentagrammi, un suono tutto da riascoltare anche oggi.

Marco Odino c’è anche oggi, a dare una mano in tre testi a Pivio che con questo “Mute” riesce nel miracolo di ridar vita, pulsazione e grandeur a quella musica senza revivalismi stolidi. Mute è un concept in cui i dieci comandamenti subiscono torsioni cupe e claustrofobiche, sottolineate dall’incedere solenne delle ritmiche, dalla gran voce di Pivio, dalle chitarre trattate. C’è anche una cover di Night Shift, pregiata ditta Siouxsie and the Banshees, e tutto torna. (Guido Festinese)

 

opinioni autore

 
PIVIO - Mute 2019-04-11 16:37:53 Guido Festinese
Giudizio complessivo 
 
85
Guido Festinese Opinione inserita da Guido Festinese    11 Aprile, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Giudizio complessivo*
Commenti
    Per favore inserisci il codice di sicurezza.
 
 
Powered by JReviews